Home»News»PSA cede il segmento A alla Panda, Peugeot 108 e Citroen C1 senza eredi

PSA cede il segmento A alla Panda, Peugeot 108 e Citroen C1 senza eredi

0
Condivisi
Pinterest Google+

La concorrenza nel segmento A è destinata a ridursi ulteriormente: a quanto pare Groupe PSA sarebbe intenzionata a non sviluppare più le eredi della Peugeot 108 e della Citroen C1. Quella delle citycar è ormai una “nicchia” non troppo lucrativa di mercato. Smart lo ha presidiato per anni ma con modelli comunque piuttosto costosi ed in grado di assicurare margini.

Opel aveva già fatto un passo indietro rinunciando alla Adam e alla Karl

Opel, uno dei marchi controllati da Groupe PSA, aveva già deciso di abbandonare auto come la Adam e la Karl. Non è escluso che la decisione abbia a che fare con la futura fusione con FCA, che ha nella Fiat Panda un modello “forte”. Del resto, il costruttore transalpino aveva anche già chiuso la collaborazione con Toyota, assieme alla quale produceva sia la Peugeot 108 sia la Citroen C1 nella Repubblica Ceca. Nell’ambito della joint-venture il costruttore nipponico produceva la Aygo. L’evoluzione della mobilità urbana potrebbe anche spingere verso auto diverse, forse ancora più piccole.

PSA si ritira dal segmento delle utilitarie, forse anche a beneficio di FCA

Ad esempio della misura della Citroen Ami (2,41 metri di lunghezza) o di altri quadri cicli elettrici. In Europa solo pochi costruttori sono riusciti a guadagnare nel segmento A. L’agenzia Reuters cita fonti anonime interne che rivelano come Groupe PSA abbia deciso di ritirarsi completamente dal segmento A. FCA potrebbe quindi beneficiare di questo passo indietro, mentre i marchi della società transalpina svilupperebbero modelli ultracompatti destinati alla mobilità urbana.

 

Articoli precedente

L'Aventure Peugeot: progetto dedicato al restauro dei “Leoni” d’epoca

Articolo successivo

Yellow Motori in TV - Puntata dell'11 ottobre 2020