Home»News»Renault ancora più alternativa, Kangoo Z.E. e Master Z.E. a idrogeno

Renault ancora più alternativa, Kangoo Z.E. e Master Z.E. a idrogeno

0
Condivisi
Pinterest Google+

Renault ancora più alternativa, Kangoo Z.E. e Master Z.E. a idrogeno

A zero emissioni, ma grazie all’idrogeno: entro la fine dell’anno Renault lancia il Kangoo Z.E. Hydrogen cui, nel 2020, seguirà il Masetr Z.E. Hydrogen. La casa della Losanga estende così l’offerta eco sostenibile nel segmento dei veicoli commerciali. Il costruttore francese applica la tecnologia fuel cell per aumentare l’autonomia.

Tempi di ricarica contenuti e autonomia a idrogeno fino a 370 km

I due modelli vengono anticipati con un raggio d’azione superiore fino a tre volte rispetto alle varianti 100% elettriche. I tempi di ricarica vengono ridotti a 5-10 minuti. Per i gestori della flotte l’abbattimento del “fermo macchina” è una variabile importante. Renault sta testando la tecnologia a idrogeno, sviluppata assieme alla Symbio, una controllata di Michelin, dal 2014. I due veicoli commerciali leggeri sono equipaggiati con una pila a combustibile (fuel cell) che garantisce un’autonomia a zero emissioni fino a 370 chilometri. Il dato è relativo al Renault Kangoo Z.E. Hydrogen, tra l’altro con un volume di carico di 3,9 metri quadrati malgrado un aumento di peso di 110 kg.

Il prezzo francese, Iva e incentivi esclusi, è di 48.300 euro

Il prezzo francese, il solo reso noto finora, compreso di batteria, ma esclusi eventuali incentivi, è di 48.300 euro (senza Iva). Il raggio d’azione del Master Z.E. Hydrogen che arriverà nel corso del primo semestre dell’anno prossimo è di 350 chilometri. Sarà disponibile come furgone (2 versioni) e telaio (2 versioni). I due serbatoi di idrogeno piazzati sotto la scocca evitano la riduzione del volume di carico che resta compreso tra 10,8 e 20 mq. La tecnologia consente di impiegare l’idrogeno per la produzione dell’elettricità per alimentare il motore elettrico. Quella fuel cell è una risposta alle esigenze dei clienti professionali del programma Renault Pro+.

Articoli precedente

Anteprime mondiali Suzuki al Tokyo Motor Show, nessuna per l'Europa

Articolo successivo

BMW Serie 1: novità tecniche ed estetiche per la compatta bavarese