Home»News»Renault riduce le emissioni con i TCe FAP benzina e Blue dCi diesel

Renault riduce le emissioni con i TCe FAP benzina e Blue dCi diesel

1
Condivisi
Pinterest Google+

Renault riduce le emissioni con i TCe FAP benzina e Blue dCi diesel

Obiettivo: riduzione delle emissioni. Renault Kadjar e Dacia Duster sono i due modelli con i quali il costruttore francese porta sul mercato le più raffinate motorizzazioni benzina TCe FAP e diesel Blue dCi. Si tratta delle aggiornate denominazioni riservate ai propulsori che beneficiano di nuove tecnologie di riduzione delle emissioni.

Filtri antiparticolato e tecnologia SCR per abbattere le emissioni

Sulle unità a benzina ad iniezione diretta vengono adottati i filtri antiparticolato, mentre quelle a gasolio dispongono della tecnologia SCR. Renault assicura “maggiori performance e consumi ottimizzati”. Il TCe FAP debutta sulla Renault Kadjar, mentre il Blue dCi esordisce sulla Dacia Duster. La casa della Losanga ha anticipato che le nuove funzioni verranno progressivamente a tutte le gamme. Con l’adozione delle tecnologie per la riduzione delle emissioni i modelli che montano questi motori rispondono ai requisiti della norma di omologazione Euro 6 D temp.

Kadjar col milletre TCe FAP 140 o 160 e Duster col Blue dCi 115

Nel dettaglio, Renault Kadjar disporrà di due declinazioni del motore TCe FAP da 1.3 litri, cioè le 140 e 160. Disponibili con il cambio manuale o la trasmissione automatica, assicurano anche maggiori potenze. Sulla Dacia Duster, il catalizzatore includerà anche il sistema di “riduzione catalitica selettiva” (SCR) per abbattere le NOx. Il motore selezionato per il modello è il Blue dCi 115. Il gruppo aveva finora impiegato questa funzione solo sui veicoli commerciali dopo l’avvento della norma Euro 6B.

Articoli precedente

Rincari a raffica per benzina e diesel: nuovi rialzi Esso e IP

Articolo successivo

Allarme dei sindacati: l'auto elettrica costerà il 10% dei posti di lavoro