Home»News»Renault Kadjar restyling: come prima, meglio di prima

Renault Kadjar restyling: come prima, meglio di prima

1
Condivisi
Pinterest Google+

Lanciato nel 2015 Renault Kadjar si aggiorna fuori e sotto pelle, confermando quelle che sono sempre state le sue doti principali: design robusto, comfort e capacità in fuoristrada. Sul frontale riprende la firma luminosa Renault a forma di C aggiungendo indicatori di direzione a LED e fendinebbia rettangolari. Anche sul retro gli indicatori di direzione si arricchiscono di LED, come le luci di retromarcia e i fendinebbia, ora integrati nel paraurti. La calandra è stata rivista con l’aggiunta di inserti cromati, mentre i paraurti valorizzano le linee grazie all’aumento delle superfici in tinta carrozzeria. Tre i nuovi tipi di cerchi da 17,18 e 19 pollici, altrettanti i colori inediti al debutto: Verde Oural, Blu Iron e Grigio Magnete.

Interni più tecnologici e confortevoli

Passando all’abitacolo, nella parte centrale del cruscotto è stato inserito un nuovo schermo touch multimediale a 7 pollici a tecnologia capacitiva, più luminoso e dalla maggiore sensibilità. Lo schermo comprende il monitor del sistema R-LINK 2, dotato della funzione smartphone replication. Il nuovo pannello di comando della climatizzazione è gestito ora da tre manopole al cui centro vengono visualizzati i dati della temperatura e della ventilazione. Nuova la finitura sportiva Black Edition che adotta rivestimenti in Alcantara e il tetto interno tutto nero. All’esterno cerchi in lega da 19 pollici, SKI anteriori e posteriori a contrasto di colore e scocche nere degli specchietti retrovisori.

I sedili dispongono di regolazioni della lunghezza della seduta e presentano imbottiture in schiuma a doppia densità. Il bagagliaio, con un volume di 527 litri, è tra i più capienti del segmento. I sedili posteriori 2/3-1/3 si abbassano grazie alle maniglie situate su entrambi i lati del bagagliaio. Il sedile anteriore del passeggero può chiudersi a libro per consentire il carico di oggetti di oltre 2,5 metri di lunghezza.

Motorizzazioni efficienti

Disponibile sia con trasmissione manuale che con l’automatico a doppia frizione, nuovo Kadjar adotta l’ultima generazione di motori Renault. Entrambe le alimentazioni, benzina e diesel, integrano le ultime tecnologie di riduzione dei gas di scarico. Quanto ai benzina, il nuovo Kadjar adotta il motore 1.3 TCe, inaugurato su Scénic e Mégane e che sarà successivamente esteso anche a Captur. Questo gruppo propulsore a 4 cilindri, sviluppato dall’Alleanza in collaborazione con Daimler, si articola in quattro offerte: TCe 140 FAP a cambio manuale, TCe 140 FAP a cambio EDC, TCe 160 FAP a cambio manuale e TCe 160 FAP a cambio EDC.

Le motorizzazioni diesel sono invece dotate di un sistema di riduzione catalitica selettiva, considerato il più performante tra i sistemi post-trattamento degli ossidi di azoto. Si tratta del Blue dCi 115, inizialmente disponibile solo con cambio manuale e successivamente anche con automatico a doppia frizione EDC (su www.euautopezzi tutti i ricambi auto, e anche olio per manutenzione cambio automatico), e del Blue dCi 150 dotato di cambio manuale e proposto con trasmissione 4×2 e 4×4.

La trasmissione integrale 4WD di Kadjar, che beneficia di tutto il know how in materia dell’alleata Nissan, propone tre modalità di funzionamento: 2WD, auto, con la suddivisione della coppia gestita dall’elettronica, e lock, attivabile fino ai 40 orari, con il differenziale centrale bloccato che trasmette sempre il 50% della coppia alle ruote posteriori. Tra l’altro Kadjar ha un’altezza libera dal suolo considerevole (200 mm), nonché ottimi angoli di incidenza (17°) e di uscita (25°). Sulle versioni 4×2, Kadjar propone l’Extended Grip. Associato a gomme «mud and snow», questo sistema ottimizza la motricità del veicolo e facilita la guida sulle strade fangose o sabbiose.

A seconda del modello scelto, Kadjar è disponibile in tre differenti allestimenti: Life, Sport Edition e Sport Edition2. Il listino prezzi, invece, va dai 21.350 euro (della TCe140 Life) ai 30.550 euro (della TCe 160 EDC Sport Edition2).

Articoli precedente

Mercedes-Benz: riparte il 4Matic Tour

Articolo successivo

Su strada con la Honda CR-V Hybrid, il suv senza trasmissione