Home»News»Renault Morphoz “a fisarmonica”, lunghezza e batterie modulari

Renault Morphoz “a fisarmonica”, lunghezza e batterie modulari

3
Condivisi
Pinterest Google+

Renault Morphoz “a fisarmonica”, lunghezza e batterie modulari

L’auto a fisarmonica è il concept a zero emissioni Renault Morphoz. Il modello che avrebbe dovuto debuttare al Salone di Ginevra è modulare grazie alla declinazione EV della nuova piattaforma del costruttore transalpino, la CMF, già impiegata per altri modelli. Il prototipo, quasi “spaziale”, interpreta la visione della Losanga per la mobilità del futuro, ovvero dopo il 2025. La Renault Morphoz è disponibile in due varianti, la City e la Travel.

La City ha un passo di 2,73 metri, la Travel arriva a 2,93

La prima misura 4,4 metri di lunghezza con un passo di 2,73, la seconda raggiunge i 4,8 con una distanza tra le ruote di 2,93. Si tratta di un crossover coupé che, cortesemente, saluta il proprietario quando si avvicina. Una volta a bordo, gli occupanti possono anche accomodarsi uno di fronte all’altro, attorno alla consolle che funge da tavolo: il sedile del passeggero anteriore è basculante. Malgrado il futuro a guida autonoma, tuttavia, quello del guidatore non fa altrettanto. Non ancora, almeno. Equipaggiata con una connettività 5G, la Renault Morphoz monta un solo motore elettrico ed ha la sola trazione anteriore. Le prestazioni sono differenziate: 136 CV per la versione City e 218 per la Travel.

Autonomia estesa con 50 kWh aggiuntivi per la Renault Morphoz

Anche l’autonomia è a fisarmonica, perché dipende dalle batterie. Il pacco “base” è da 40 kWh, ma la Travel è dotata di un apposito spazio che consente di inserire un altro accumulatore da 50 kWh passo stazioni di servizio dedicate. Un’operazione semplice per aumentare l’autonomia da 400 a 700 km. Il concept dispone anche di uno schermo Livingscreen che, spiega Renault, “incarna l’intelligenza che si ritrova nella vita a bordo del veicolo”. Il display Oled “spalma” su 80 centimetri di larghezza le informazioni su guida, navigazione ed entertainment. Una soluzione che il costruttore aveva già proposto sia sulla TreZor sia sulla Symbioz.

 

Articoli precedente

Citroën e Crugnola: insieme per puntare al titolo del CIR 2020

Articolo successivo

Tempi duri per i pick-up, l'era europea del VW Amarok finisce in maggio