Home»News»Renault Scenic, frena da sola e avrà un diesel “micro ibrido”

Renault Scenic, frena da sola e avrà un diesel “micro ibrido”

1
Condivisi
Pinterest Google+

La nuova Renault Scenic ha fatto il proprio debutto al Salone di Ginevra e nell’occasione la Casa francese ha ufficializzato che anche questa generazione avrà la doppia carrozzeria, dunque anche quella allungata da sette posti. Entrambe saranno in vendita entro fine anno e di serie offriranno diversi sistemi di sicurezza come la frenata di emergenza attiva con riconoscimento pedoni (AEBS) e l’assistenza al mantenimento della corsia (Lane Keeping Assist) attiva da 70 a 160 km/h, con sistema che agisce sullo sterzo in caso di superamento della linea di carreggiata.

Una delle particolarità della vettura, oltre al fatto di essere passata da MPV classica a crossover, è costituita dalla misura dei cerchi: ben 20″ di diametro per soli 195 mm di larghezza. Lo scopo è quello di ridurre la resistenza all’avanzamento sia dal punto di vista meccanico sia da quello aerodinamico, senza imporre rinunce ai designer (che amano le ruote XXL) e offrendo un miglior assorbimento delle asperità.

Nell’ottica dell’uso familiare della Renault Scenic, trova conferma il sistema One Touch Folding per ripiegare i sedili posteriori con la semplice pressione di un comando dall’ R-LINK 2 o di un tasto situato nel bagagliaio. Come sulla generazione precedente, alcuni allestimenti offrono il sedile del passeggero anteriore ripiegabile a tavolino, mentre quelli della 2^ fila sono scorrevoli (di serie su tutta la gamma) indipendentemente l’uno dall’altro (1/3, 2/3). Per chi siede dietro, la nuova Scenic propone i tavolini denominati Easy Life, con tanto di tasca per riporre un cellulare, o una consolle per videogiochi o delle matite, ma anche un sistema per fissare il tablet. Il bagagliaio? 572 litri.

Inizialmente i motori disponibili per la nuova Renault Scenic sono otto. Si tratta di sei turbodiesel: dCi 95; dCi 110; Energy dCi 110 con trasmissione automatica a doppia frizione EDC 7 rapporti; Energy dCi 130; Energy dCi 160 Twin Turbo con trasmissione automatica a doppia frizione EDC 6 rapporti. I benzina invece sono i seguenti: TCe 115 e TCe 130. Entro la fine del 2016, arriverà anche un diesel elettrificato – Hybrid Assist – basato sul motore diesel dCi 110, con l’aggiunta però di un supplemento di accelerazione in alcune fasi, specie ai bassi regimi.

Articoli precedente

Alfa Romeo Giulia: i motori e gli allestimenti

Articolo successivo

Fiat 500S e 500S Cabrio, pensate per i giovani e per i più sportivi