Home»News»RENAULT TRUCKS / Docteur Clown, un aiuto per i bambini

RENAULT TRUCKS / Docteur Clown, un aiuto per i bambini

0
Condivisi
Pinterest Google+

Milano – Smessi i colletti blu e bianchi, i dipendenti di Renault Trucks hanno indossato l’uniforma della solidarietà. I vari servizi e le direzioni del costruttore di camion si uniscono infatti, volontariamente, a sostegno dell’associazione caritatevole docteur CLOWN tramite iniziative di raccolta di denaro nel luogo di lavoro. Spettacoli teatrali, pasticceria, tornei di scacchi, si fa di tutto per raccogliere fondi. Scelta dai dipendenti, l’associazione docteur CLOWN consente di rallegrare le giornate dei bambini ricoverati grazie a uno staff medico di tipo diverso, dotato di nasone rosso. «Tra queste tre associazioni, quale vorresti patrocinare?» Questa è stata la domanda posta ai 5.200 dipendenti di Renault Trucks SAS nell’aprile scorso. Risultato: il sessanta percento dei voti è andato all’associazione docteur CLOWN. Inizialmente, un’idea semplice: i dipendenti danno un po’ del loro tempo per raccogliere fondi in favore di un’associazione. Si è creato un primo gruppo che ha convinto il direttore dello stabilimento di Lione, Michel Dupin, a sostenere il progetto. Questi ha dato il suo appoggio e ha deciso di sostenere finanziariamente il progetto. Con l’aiuto della rete di comunicazione dei vari servizi e direzioni, pilotata da Pascale Mézie, responsabile della comunicazione dello stabilimento di Lione, i dipendenti si organizzano per definire e realizzare azioni volte a raccogliere quanti più fondi possibile. Chi è docteur CLOWN? Aiutare i bambini malati a vivere meglio la loro malattia, così si riassume lo spirito di questa associazione indipendente e regionale, creata a Lione nel 1995. L’obiettivo del «docteur CLOW» è quello di offrire gioia ai bambini ricoverati e di fargli dimenticare per un momento l’ospedale e la malattia. Per 4 mesi, i dipendenti del costruttore francese di camion dedicano volontariamente una parte del loro tempo libero a raccogliere quanti più fondi possibili.

Articoli precedente

LEXUS / Sema 2010: addio understatement

Articolo successivo

PEUGEOT / La iOn premiata col "Volante Verde" di Auto Bild