Home»News»RICHIAMI/ Oltre 2,12 mln di veicoli di nuovo in officine USA

RICHIAMI/ Oltre 2,12 mln di veicoli di nuovo in officine USA

0
Condivisi
Pinterest Google+

Washington (Stati Uniti) – Ci sono anche modelli di Fiat Chrysler Automobiles fra i 2,12 milioni di veicoli con i quali si apre il 2015 dei richiami negli Stati Uniti, che hanno archiviato un 2014 devastante. Solo oltreoceano erano dovuti tornare nelle officine 62,7 milioni di vetture con una percentuale rispetto a quelle immatricolate del 379%, la più alta di sempre secondo i calcoli del Center of Automotive Management (CAM) di Bergisch Gladbach, in Germania. La quota di richiami di General Motors (quasi la metà del totale) è stata del 912%. Al secondo posto c’è Honda (8,9 milioni) con il 577% che nel frattempo ha deciso di cambiare fornitore di airbag, lasciando Takata. Poi FCA (9,1 milioni) con il 423%.

 

Anche la nuova campagna riguarda gli airbag, che potrebbero gonfiarsi senza ragione: l’azione non ha nulla a che vedere con quelle precedenti che riguardavano Takata, perché il fornitore della componente elettronica che può provocare il problema è TRW Automotive Holdings, appena acquisita dalla tedesca ZF (12,4 miliardi di dollari). Oltre a FCA sono coinvolte Toyota e Honda, ha fatto sapere l’NHTSA. I veicoli da richiamare erano stati già oggetto di una precedente “revisione” e sono stati prodotti nei primi anni del terzo millennio Adesso saranno necessari dei nuovi ricambi per i quali potrebbero servire mesi. Sono stati segnali 400 “guasti”; anche con leggeri ferimenti. La campana riguarda Pontiac Vibe. Dodge Viper, Jeep Liberty, Grand Cherokee, Toyota Corolla, Matrix e Avalon e Honda Odyssey e Acura MDX.

 

Articoli precedente

FIAT/ Nuovo Doblò, la prova su strada

Articolo successivo

CARBURANTI/ Fortissimi rialzi Eni e TotalErg su benzina e diesel