Home»News»Emissioni, multe salate a FCA e gruppo Volkswagen secondo AlixPartners

Emissioni, multe salate a FCA e gruppo Volkswagen secondo AlixPartners

0
Condivisi
Pinterest Google+

Emissioni, multe salate a FCA e gruppo Volkswagen secondo AlixPartners

Secondo una proiezione della società di consulenza AlixPartners, il gruppo Volkswagen e FCA sarebbero i costruttori che rischiano di pagare le multe più salate in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi di contenimento delle emissioni di CO2.

Volvo e Toyota escluse dalle multe anche sulla base di questo studio

Il nuovo studio non è solo a prevedere un simile scenario, che, invece, esclude Volvo e Toyota dalle potenziali sanzioni. Secondo le elaborazioni degli esperti di AlixPartners il colosso tedesco potrebbe dover versare fino a 1,83 miliardi di euro. Quello italo americano potrebbe essere chiamato a pagare quasi 750 milioni. Per il gruppo Volkswagen la ragione risiede anche nella quota di mercato europea, che è superiore al 24%. Per FCA (che ha una penetrazione tra il 6 ed il 7%) i motivi sono sia l’incidenza maggiore di immatricolazioni del modelli Jeep e quindi con cilindrate più importanti, sia nei mancati investimenti sulla tecnologie per abbattere le emissioni. La scadenza non è lontana, perché è il 2021.

FCA aveva dichiarato di voler scegliere l’opzione meno costosa

Secondo un’analisi di un anno e mezza della PA Consulting, FCA avrebbe rischiato fino a 1,3 miliardi di multa, mentre il gruppo Volkswagen fino a 1,2. Nel frattempo la società tedesca ha virato in maniera significativa sull’elettrico, mentre quella controllata dalla dinastia Agnelli ha cercato di fondersi con Renault. Ma, soprattutto, ha raggiunto un accordo con Tesla: per 500 milioni di euro FCA potrà ridurre l’impatto ambientale della propria flotta conteggiando anche le auto californiane. Il costruttore italo americano aveva reso noto che avrebbe scelto l’opzione meno costosa. Herbert Diess, Ceo del gruppo Volkswagen, in occasione della conferenza di bilancio aveva assicurato che l’azienda sarebbe riuscita a rispettare i parametri europei.

Articoli precedente

Svelata la Kia XCeed, il nuovo crossover urbano da 4,4 metri di lunghezza

Articolo successivo

La "doppia vita" della Peugeot 308 TCR, protagonista in pista e di un reality