Home»News»Prima posticipato e poi annullato, il Salone di New York slitta al 2021

Prima posticipato e poi annullato, il Salone di New York slitta al 2021

0
Condivisi
Pinterest Google+

Anche il New York International Auto Show è uscito definitivamente dal calendario dei grandi eventi del 2020. Formalmente era stato posticipato da aprile ad agosto: adesso è stato ufficialmente annullato. Una scelta praticamente inevitabile considerata la diffusione del coronavirus negli Stati Uniti e, in particolare, nella Grande Mela che dovrebbe ospitare anche una prova della Formula E, che per il momento ha ripiegato sul Race at Home Challenge.

Lo Javits Convention Center di New York è ancora allestito come ospedale

Del resto lo Javits Convention Center, la struttura che avrebbe dovuto ospitare la rassegna, è ancora convertita in ospedale per i contagiati da Covid-19. Gli organizzatori hanno anticipato la notizia via Twitter. “Per il bene di New York City e per la sicurezza di tutti i visitatori del salone abbiamo deciso che il NYIAS si svolgerà tra il 2 e l’11 aprile del 2021”, è il testo del cinguettio. “Abbiamo guidato la storia per 120 anni e adesso ingraniamo la marcia per un lento 2021 anche più grande”, scrivono ancora gli organizzatori. Almeno per quest’anno i costruttori dovranno individuare opzioni alternative per dialogare con gli appassionati.

Cancellati i grandi saloni, ancora in calendario Pechino e Milano-Monza

Quello di New York è solo l’ultimo di una serie di grandi rassegne cancellate per via della pandemia. Prima era “saltato” il Salone di Ginevra, poi quello di Detroit. Quello di Parigi si è tenuto uno spiraglio aperto parlando di una eventuale forma differente (per l’OICA è comunque cancellato). Sono stati annullati anche il Concours d’Elegance in Pebble Beach, l’IAA di Hannover dedicato ai veicoli commerciali e l’Automechanika di Francoforte. Per il momento sono ancora in calendario l’Auto Show di Pechino, fatto slittare a settembre, ed il Milano-Monza open air Motor Show di fine ottobre.

 

Articoli precedente

Hypercar ibrida in 80 esemplari, Czinger 21C 1:1 rapporto peso/potenza

Articolo successivo

Storie Alfa Romeo: “Gazzelle” e “Pantere” sulle strade d’Italia