Home»News»Più connessa e sicura, la Seat Ateca aggiornata senza i TDI da 1.6 litri

Più connessa e sicura, la Seat Ateca aggiornata senza i TDI da 1.6 litri

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il facelift della Seat Ateca è soprattutto tecnologico perché il costruttore spagnolo ha aggiornato il suv incrementando l’offerta sul fronte della connettività e dei sistemi di assistenza alla guida. Naturalmente, spiega la casa catalana del gruppo Volkswagen, c’è anche “un’evoluzione nel linguaggio del design caratterizzato dall’esterno più emozionante e dagli interni rivisitati”. Già commercializzata in 300.000 esemplari, la Seat Ateca è stato il primo suv spagnolo. Progettata e sviluppata a Barcellona e prodotta a Kvasiny, nella Repubblica Ceca, la vettura ha contribuito in maniera significativa agli ultimi due record di vendite.

Diciotto millimetri di lunghezza in più per il rivisitato suv compatto

Il 44% dei volumi sono derivati dai suv: gli altri due sono la Arona e la Tarraco. Il rinnovato suv misura 18 millimetri in più di lunghezza (4,381 metri) per effetto degli interventi al frontale e sul paraurti posteriore ed è completamente connesso. L’auto integra sia la connettività sia in-car (funzioni e servizi online, Full Link con accesso wireless ad Android Auto e a CarPlay), sia quella out-car. Propone il riconoscimento vocale che si attiva con il saluto “Hola Hola”. Il Media System funziona attraverso schermi da 8,25 (di serie) o 9,2” (Seat Connect). Tra le novità c’è anche il nuovo allestimento Xperience vocato al fuoristrada. Questa declinazione si aggiunge a quella sportiva FR ed alle Refernce e Style. Il costruttore assicura sistemi di assistenza alla guida “più avanzati per offrire la massima protezione in qualsiasi situazione”.

Seat Ateca con TSI da 1.0, 1.5 e 2.0 litri e TDI solo da duemila cc

La Seat Ateca diventa così “una delle vetture più sicure e comode del suo segmento”. Tre la varie tecnologie ci sono l’Adaptive cruise control predittivo, il Pre-Crash Assist, l’Emergency Assist, il Travel Assist e il Side and Exit Assist. La gamma motori è stata ottimizzata con unità più efficienti della quale non fanno più parte i mille sei TDI da 1.6 litri. Tutta l’offerta a gasolio è articolata sui sovralimentati da 2.0 litri da 115 e 150 CV. Il primo si piò avere solo con cambio manuale, l’latro anche a trazione integrale 4Drive e con la trasmissione automatica DSG e con entrambe. Sul fronte benzina, la Seat Ateca ha un entry level a tre cilindri da 1.0 litri, il TSI da 110 CV. Poi ci sono i millecinque da 150 CV (cambio manuale o DSG) ed il duemila da 190 con quattro ruote motrici trasmissione automatica.

Articoli precedente

Citroen e-Spacetourer, monovolume a 9 posti con 330 km di autonomia

Articolo successivo

Nuove limited edition parisblue e cabrio suitgray per la smart elettrica