Home»News»Il pokerissimo della Seat Leon, la prima spagnola con 5 propulsioni

Il pokerissimo della Seat Leon, la prima spagnola con 5 propulsioni

1
Condivisi
Pinterest Google+

Benzina, diesel, metano, ibrida e plug-in: è il pokerissimo della Seat Leon, la prima auto spagnola a disporre di cinque distinte tecnologie di propulsione. Con la nuova generazione, la best seller del costruttore catalano ha guadagnato due sistemi elettrificati. Cioè l’eTSI (mild hybrid) e l’eHybrid (plug-in). Nelle dimensioni, le carrozzerie hatchback e sportstourer sono state allungate rispettivamente di 86 e 93 millimetri in lunghezza.

Potenze comprese fra i 90 CV del tre cilindri benzina ed i 204 della plug-in

Misurano 4,368 e 4,642 metri con un passo che per entrambe è di quasi 269 centimetri (+5). La capacità del bagagliaio è aumentata di 30 litri per la familiare (da 617 litri). Le potenze delle varie motorizzazioni (11 meccaniche complessivamente) sono comprese fra 90 ed i 204 CV. La nuova Seat Leon è disponibile anche con il Drive Profile (di serie nella versione FR) che consente di selezionare fra le modalità Eco, Normal, Comfort e Sport e di impostare quella Individual. Le unità a benzina, tutte ad iniezione diretta, sono a a tre e quattro cilindri. I più piccoli sono da 1.0 litri da 90 e 110 CV e rispettivamente 175  e 200 Nm di coppia. Poi ci sono i millecinque da 130 e 150 CV ed il duemila da 190 con trasmissione automatica DSG a 7 marce.

Fino a 60 chilometri in elettrico per la Seat Leon eHybrid

I propulsori a gasolio sono i TDI da 2.0 litri da 115 e 150 CV che montano cambi manuali e automatici. La Sportstourer ha anche la trazione integrale 4Drive. I mild hybrid a benzina sono il tre cilindri da 110 CV ed il quattro cilindri da 150, entrambi abbinati al cambio automatico DSG a 7 rapporti. La Seat Leon ricaricabile è la variante più potente. I suoi 204 CV sono frutto dell’abbinamento tra il millequattro benzina, un motore elettrico, una batteria agli ioni di litio da 13 kWh e un cambio DSG con doppia frizione a sei marce. La percorrenza a zero emissioni può raggiungere i 60 chilometri. Per la declinazione a metano la scelta è caduta sull’1.5 litri da 130 CV che assicura 440 km di autonomia.

Articoli precedente

Yellow Motori in TV - Puntata del 12 aprile 2020

Articolo successivo

L'aggiornato pick-up Fiat Strada guadagna centimetri. E lo schermo tattile