Home»News»Meno compatta e ibrida, arriva la seconda generazione della Nissan Juke

Meno compatta e ibrida, arriva la seconda generazione della Nissan Juke

0
Condivisi
Pinterest Google+

Meno compatta e ibrida, arriva la seconda generazione della Nissan Juke

La seconda generazione della Nissan Juke debutta il 3 settembre e non sarà all’IAA di Francoforte, disperato quest’anno da oltre venti costruttori. Il rinnovato crossover compatto arriverà sul mercato nel corso 2020 con l’obiettivo di rilanciare le vendite del costruttore giapponese.

Il bagagliaio raggiungerà i 380 litri con i sedili in posizione standard

Dal 2010 in poi, il modello dal design molto polarizzante è stato venduto in più di un milione di esemplari. Per l’aggiornata Nissan Juke la casa di Yokohama parla di “nuovo look e nuove performance”. Pur senza fornire dati specifici, il costruttore ha anticipato dimensioni maggiorate (si intuisce dalle stesse foto rilasciate da Nissan). Significa che i passeggeri disporranno di più spazio, ma anche il bagagliaio avrà una capacità superiore (fino a 380 litri con i sedili in configurazione standard, attualmente sono 354).

ProPilot e “avanzato sistema di connettività” per l’aggiornato crossover

Crescerà il passo (oggi di 2,55 metri) e la vettura guadagnerà qualche centimetro in lunghezza (attualmente 4.115 millimetri). Già nel 2015 il marchio dell’Alleanza aveva immaginato il futuro del modello, proponendo il concept Gripz. Le linee sono sempre coupé e i cerchi sono da 19” per conferire un aspetto più dinamico al modello che sembra l’evoluzione di un’auto dei fumetti. Dal punto di vista tecnologico, la seconda generazione della Nissan Juke avrà il ProPilot, il pacchetto di funzioni di assistenza alla guida disponibile sulla Qashqai, e di un “avanzato sistema di connettività”.

Trenta chilometri di autonomia elettrica per la Nissan Juke ibrida plug-in

Sotto il cofano le novità saranno molteplici. Il motore entry level diventerà il tre cilindri benzina da 1.0 litri, mentre sul fronte del diesel arriverà il dCi da 1.5 litri. Il crossover diventerà anche ibrido. Con l’unità benzina da 1.6 litri sarà plug-in. La variante ricaricabile dovrebbe disporre di una batteria da 8,9 kWh e raggiungere un’autonomia a zero emissioni di 30 km. La Juke R ad altissime prestazioni non verrà più proposta.

Articoli precedente

Rally di Germania, Tanak vince davanti a Meeke e Latvala: tripletta Toyota

Articolo successivo

Hyundai 45, concept che anticipa lo stile elettrico delle future auto coreane