Home»News»SEMA 2018: tutto pronto per l’appuntamento più amato dagli appassionati di supercar

SEMA 2018: tutto pronto per l’appuntamento più amato dagli appassionati di supercar

0
Condivisi
Pinterest Google+

Si avvicina a grandi passi uno degli eventi più importanti dell’automotive mondiale, il SEMA (Specialty Equipment Market Association). Dal 30 ottobre al 2 novembre 2018, i grandi marchi del motorismo e le case automobilistiche presenteranno le loro più importanti novità nei padiglioni del Las Vegas Convention Center, adibito per l’occasione a showroom. Ma il SEMA è molto di più. Come ogni anno saranno presenti i veicoli più estrosi e si esibiranno i maghi del tuning, della preparazione e delle modifiche più estreme.

Accessori, auto estreme, super car, esibizioni, gare ed eventi. Questo e molto altro è il SEMA, manifestazione che dal lontano 1963 e a cadenza annuale, attira milioni di visitatori e produttori da tutto il mondo. Basti pensare che negli scorsi anni hanno partecipato ben 6.383 aziende dell’automotive con il picco raggiunto nel 2017 di 70.000 visitatori, 2.400 costruttori e il 25% dei biglietti venduti fuori dagli USA.

La prima edizione risale al 1963 e si svolse a Los Angeles. Nel 1977 ci fu la decisione di spostare l’evento a Las Vegas per avere maggior spazi espositivi dato il grandissimo successo di pubblico e il numero crescente di grandi brand dell’auto coinvolti. Una fiera che rispecchia in maniera perfetta l’idea che i veicoli non sono soltanto mezzi di trasporto ma veri e propri simboli di lifestyle.

Come detto in precedenza, l’edizione dello scorso anno fu una delle più spettacolari di sempre. Si è svolta naturalmente al Convention Center, location ideale poco distante dalla famosa Strip di Las Vegas, il viale che ospita casinò come il Mirage, costruito nel 1989 da Steve Wynn, il Bellagio e il Caesar’s Palace. In questo contesto i visitatori hanno ammirato alcuni dei modelli più innovativi mai concepiti. Non solo le luci delle case da gioco hanno illuminato la città, ma anche le invenzioni degli ingegneri automobilistici più famosi.

Kia Motors America ha presentato la sua nuova Stinger con appendici nere ideate da Air Design Usa. Una supercar con cerchi in lega da 20” by TSW, pneumatici Falken e un motore V6 3,3 litri biturbo. 380 cavalli di potenza con uno scarico prodotto da Borla che ha incantato appassionati e non nel padiglione dedicato alle performance su strada. Padiglione in cui Audi ha mostrato per la prima volta la TT Clubsport Turbo Concept, Ford ha messo in strada la nuova Mustang RTR da 700 cv e Chevrolet si è superata come ogni anno presentando diversi modelli: una serie celebrativa della Camaro, denominata Hot Wheels Edition con motore v8 da 650 cv, la Corvette Carbon 65 Edition con nuova veste estetica e Colorarado ZR2 Dusk e Midnight, oltre ai due nuove concept di Silverado Performance e Silverado 3500 HD Safety Safary.

Non solo super car. Nei 12 padiglioni tematici divisi in 4 categorie, uno dei quali dedicato ai nuovi prodotti come parti, strumenti e componenti, a spiccare è stato il nuovo pacchetto Sport Performance Parts di Audi, presto disponibile sulle TT RS e R8 e pensato il mercato statunitense.

Intanto filtrano le prime indiscrezioni per gli eventi in programma nell’edizione 2018. È già possibile iscriversi sul sito ufficiale della manifestazione alla “SEMA Battle of the Builders competition”, una competizione in cui gli espositori con auto o altri veicoli presenti al SEMA verranno premiati per le customizzazioni più belle e innovative, ottenendo la possibilità di veder pubblicizzati i loro lavori nello spot ufficiale dell’evento e sui network specializzati.

Dopo aver assistito alla presentazione della Lexus Black Panther, ispirata all’omonimo film di animazione Marvel, della Gemballa GT Concept creata dall’omonimo produttore tedesco sulla base della Porsche 911 Turbo e della Hennessy Venom F5 da 482 Km/h, cosa ci riserverà il SEMA 2018? Tra qualche mese le auto che abbiamo sempre sognato diventeranno realtà?

Articoli precedente

Buon compleanno Alfa Romeo, domenica spegne 108 candeline

Articolo successivo

Jeep Renegade: su strada con le nuove versioni turbo a benzina