Home»News»Due “prime volte” per Skoda: l’elettrica Citigoe iV e la plug-in Superb iV

Due “prime volte” per Skoda: l’elettrica Citigoe iV e la plug-in Superb iV

0
Condivisi
Pinterest Google+

Due “prime volte” di serie per Skoda: l’elettrica Citigoe iV e la plug-in Superb iV

Il contributo di Skoda all’offensiva elettrica del gruppo Volkswagen è doppio: la CitigoiV e la Superb iV. Cioè la prima elettrica e la prima plug-in di serie con le insegne della Freccia Alata. Che saranno anche parte della “conversione” a elettrificata che entro il 2025 dovrebbe consentire al costruttore della Repubblica Ceca di lanciare 10 modelli a batteria.

Prezzo “ampiamente sotto i 20.000 euro” per la Skoda Citigoe iV

Della CitigoeiV sorprende in particolare il prezzo annunciato: “Ampiamente meno di 20.000 euro”, ha fatto sapere Skoda da Bratislava. Una cifra interessante per un’auto di 3,6 metri accreditata di 265 km di autonomia con un motore da 83 CV e 210 Nm di coppia. Come la Superb iV arriverà con il 2020, anche se il tam tam mediatico sarà certamente importante. L’ammiraglia ricaricabile è la nuova variante del modello che arriva con il facelift della terza generazione, che propone per la prima volta anche l’allestimento rialzato Scout.

Autonomia a zero emissioni di 55 km per la ibrida della Freccia Alata

Il powertrain è lo stesso della Volkswagen Passat, ovvero un motore elettrico ed uno a benzina da 1.4 litri per un totale di 218 Cv di potenza di sistema. Il raggio d’azione a zero emissioni è di 55 chilometri nel ciclo WLTP. La Superb iV può percorrere fino a 850 chilometri complessivamente. Ma svolta elettrificata di Skoda è appena cominciata, anche perché è praticamente in rampa di lancio anche la versione di serie del concept Vision iV il cui lancio è lancio dovrebbe avvenire già nel 2020. “Siamo solo all’inizio”, ha assicurato il numero uno di Skoda Bernhard Maier.

Articoli precedente

Speciale Estate: tutte le Cabrio e le Roadster 2019

Articolo successivo

Fattiva collaborazione nel dieselgate: multa di "soli" 90 milioni a Bosch