Home»Auto sportive»Skoda Octavia RS da 230 CV e con assetto ribassato di 15 millimetri

Skoda Octavia RS da 230 CV e con assetto ribassato di 15 millimetri

0
Condivisi
Pinterest Google+

Con 230 CV, la nuova Skoda Octavia RS berlina (ma anche wagon), è la più potente mai prodotta. Fresca di rinnovamento, il modello della Freccia Alata ha esibito la versione top di gamma, caratterizzata dal nuovo frontale dalla calandra più ampia e le prese d’aria a nido d’ape, dal rivisitato posteriore arricchiato con l’aggiunta di uno spoiler e dagli interni sportivi. La motorizzazione più potente è il TSI benzina da 2.0 litri e 230 CV e 530 Nm di coppia e può essere abbinata al cambio manuale a 6 rapporti o, a richiesta, al DSG a 6 rapporti, optional. Skoda Octavia RS in versione berlina è accreditata di uno spunto da 0 a 100 all’ora di 6,7 secondi (250 km/h l’andatura di punta). Il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 6,5 l/100 km (149 g/km di CO2).

L’altro propulsore, il TDI da 2.0 litri disponibile sia a trazione anteriore sia integrale, ha 184 CV (380 Nm) ed è in grado di spingere Skoda Octavia RS da 0 a 100 in 7,9 secondi (232 km/h la velocità massima). Con la trasmissione manuale, la percorrenza dichiarata nel ciclo combinato supera i 22 chilometri per litro (119 g/km di CO2).

Rispetto ai modelli standard, le versioni RS hanno un assetto più basso di 15 millimetri e, rispetto al passato, la carreggiata più larga di 3 centimetri. I cerchi di Skoda Octavia RS sono di serie da 17 pollici, mentre a richiesta ci sono quelli da 18 e da 19 color argento. Il modello dispone dello sterzo progressivo, del Performance Mode Select con Performance Sound generator, del controllo di stabilità ESC con bloccaggio trasversale elettronico XDS+ e delle sospensioni a controllo elettronico DCC. L’intera gamma Octavia è dotata dei servizi Skoda Connect, che include sia l’infotainment online per i sistemi di navigazione Amundsen e Columbus sia il Care Connect per l’assistenza e l’accesso remoto all’auto.

Articoli precedente

Prova su strada: Mercedes GLC Coupé, la fuoriclasse della Stella

Articolo successivo

L'opuscolo giapponese che rivela la prossima Suzuki Swift