Home»News»Skoda Scala in Italia da meno di 20.00 euro. Dall’autunno anche a metano

Skoda Scala in Italia da meno di 20.00 euro. Dall’autunno anche a metano

0
Condivisi
Pinterest Google+

Skoda Scala in Italia da meno di 20.00 euro. Dall’autunno anche a metano

La sicurezza prima di tutto: con la Skoda Scala, la nuova berlina di segmento C che subentra alla Rapid, la casa delle Freccia Alata punta su sistemi che contribuiscono a limitare gli incidenti. In Italia il modello monta di serie radar adattivo ACC che funziona fino a 210 km/h, frenata automatica con riconoscimento pedone, mantenimento attivo della corsia di marcia e rilevamento della stanchezza del conducente. L’equipaggiamento è naturalmente ancora più significativo, il che spiega il prezzo, vicino ai 20.000 euro.

Motori benzina da 1.0 e 1.5 litri e diesel da 1.6 litri per la Skoda Scala

Le indiscrezioni davanti un listino a partire dai 19.000 euro, mentre l’entry level ne costa 19.960. In questo caso la Skoda Scala monta il turbo benzina da 1.0 litri da 95 CV. Questa unità, abbinata al cambio manuale a cinque rapporti, è disponibile con l’estate. Quando arriva nelle concessionarie, cioè in maggio, la berlina è offerta con due propulsori a benzina ed uno a gasolio. Si tratta de i TSI da 1.0 litri da 115 CV (da 21.670 euro) e da 1.5 litri da 150 CV con trasmissione DSG (da 25.960 euro) e del TDI da 1.6 litri da 115 CV (da 24.060 euro) con filtro anti particolato ed SCR, anche con cambio automatico (da 25.560 euro).

La variante G-TEC a gas naturale avrà 90 CV di potenza

In autunno arriverà anche la declinazione G-TEC da 1.0 litri e 90 CV con cambio manuale a sei marce, cioè a metano con omologazione monovalente. Con i suoi 9 litri, il serbatoio a benzina è solo di “emergenza”. Con la nuova berlina, Skoda lancia l’infotainment di terza generazione, con eSIM nativa che non obbliga il cliente a utilizzare il proprio smartphone o una SIM dedicata e con Smartlink+ anche wireless per la connessione dello smartphone.

Articoli precedente

Cambio al vertice di Subaru Italia, Koshimizu subentra a Yamada

Articolo successivo

FCA sostiene un master universitario (a Trento) sulla guida autonoma