Home»News»smart final #21, l’utlima tascabile termica prima del trasloco elettrico in Cina

smart final #21, l’utlima tascabile termica prima del trasloco elettrico in Cina

0
Condivisi
Pinterest Google+

smart final #21, l’utlima tascabile termica prima del trasloco elettrico in Cina

Una per ogni anno: l’ultima serie speciale a motore termico della tascabile tedesca è la smart final #21. Si tratta di un esclusivissimo modello celebrativo, insomma. Quasi commemorativo, perché per smart si apre una nuova epoca: quella elettrica. In realtà cambia anche l’orizzonte, perché sviluppo e produzione traslocheranno in Cina dopo l’intesa con Geely.

Un modello per collezionisti e fan sfegatati

La società del Regno di Mezzo si è comprata un altro pezzo ell’automotive europea. Non solo controlla il 10% di Daimler, della quale è il primo azionista singolo, ma anche il 50% di smart. La smart final @21 è stata disegnata da Konstantin Grcic e sviluppata in collaborazione con la Brabus ed è pensata quasi esclusivamente per i collezionisti ed i fan sfegatati. La tascabile viene trasformata in un’ape, con i suoi colori giallo e nero. Del resto, nel mondo della mobilità a dimensioni ridotte, una Vespa c’è già. Ciascuno dei 21 esemplari costerà 51.578 euro. La serie limitata verrà esibita all’Autodromo di Modena il 18 e 19 maggio.

 

La produzione della smart final 21@ comincia in agosto

La produzione della smart final 21@ comincerà in agosto. Anche se Grcic, 54enne designer tedesco che ha studiato nel Regno Unito, è noto per essere minimalista, l’ultima tascabile termica non passa certo inosservata nella sua livrea bicolor. La doppia tinta (incluso il Brilliant yellow evoluzione dello storico Hello yellow degli esordi di smart) include perfino i cerchi. “Smart resta molto più di un’auto: rappresenta la grande visione di una nuova forma di mobilità urbana”, ha commentato Daniel Lescow, il nuovo numero uno di smart.

Articoli precedente

Al volante della nuova DS3 Crossback sulle strade dentro e fuori Roma

Articolo successivo

I bozzetti di un nuovo suv compatto (non elettrico), il progetto Kia Tusker