Home»News»Ford Kuga, il modello più elettrificato dell’attuale gamma dell’Ovale Blu

Ford Kuga, il modello più elettrificato dell’attuale gamma dell’Ovale Blu

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Kuga, il modello più elettrificato dell’attuale gamma dell’Ovale Blu

La Ford Kuga, il modello dell’Ovale Blu più elettrificato di sempre, avrà “la migliore efficienza nei consumi nel segmento di appartenenza”. Il costruttore garantisce per il suv “un valore medio della gamma ridotto fino al 28%“. Nella sua offensiva “green”, la casa americana ha deciso di puntare inizialmente sulla vendutissima Ford Kuga. Il rinnovato suv verrà offerto con tutte le tecnologie ibride disponibili: a 48 Volt, ibrida e plug-in.

Sulla bilancia, la terza generazione del suv ha perso 80 kg

La terza generazione della Ford Kuga è disponibile fin dal lancio sia come plug-in sia che EcoBlue Hybrid, cioè la tecnologia a 48 Volt applicata al 2.0 litri a gasolio da 150 CV. La Kuga alla spina abbina un motore a ciclo Atkinson da 2.5 litri ad un’unità elettrica e ad una batteria agli ioni di litio da 14,4 kW. Gli ingegneri dell’Ovale Blu sono intervenuti anche sull’aerodinamica (la protezione ottimizzata del sottoscocca, le guarnizioni delle porte e le guide del tetto montate a filo contribuiscono a ridurre la resistenza di quasi il 4%) e sul peso (80 chilogrammi in meno rispetto al modello uscente) per razionalizzare le prestazioni del modello.

La Ford Kuga plug-in è accreditata di 72 chilometri in modalità elettrica

Che nella versione plug-in è accreditato di consumi di 1,4 litri per i primi 100 chilometri (WLTP). Nel ciclo NEDC l’autonomia a zero emissioni può raggiungere i 72 chilometri. La declinazione Hybrid, che utilizza un sistema full-hybrid con funzione self-charging, arriverà verso la fine dell’anno. L’Ovale Blu ha confermato a listino i motori EcoBoost a benzina (1.5 litri con consumi dichiarati di 5,5 l/100 km) sia EcoBlue a diesel (1.5 litri da 4,2 l/100 km).

Articoli precedente

Anche il fondo Harris Associates contro Zetsche a capo del CdS di Daimler

Articolo successivo

Il giorno del giudizio, a Ginevra il verdetto del premio Car of the Year