Home»News»Suzuki Ignis Hybrid, 83 CV di potenza e fino a 25,6 chilometri per litro

Suzuki Ignis Hybrid, 83 CV di potenza e fino a 25,6 chilometri per litro

0
Condivisi
Pinterest Google+

Compatta ed a 12 Volt, arriva in Italia la Suzuki Ignis Hybrid, il cui prezzo parte da 16.500 euro. Fino alla fine di giugno la filiale nazionale offre un incentivo di 2.000 su tutte le versioni, riducendo così il costo di acquisto. Con i suoi 3,7 metri di lunghezza e le sue linee anticonvenzionali, il piccolo suv nipponico a 5 porte è omologato a 4 posti.

La maggiore escursione delle sospensioni vale 10 millimetri di altezza in più

Grazie all’aumento di 10 millimetri dell’escursione delle sospensioni, la Suzuki Ignis Hybrid è in grado di affrontare più serenamente eventuali tracciati in fuoristrada. L’altezza complessiva aumenta di un centimetro. Con il nuovo sistema ibrido con l’Integrated Starter Generator (ISG) è alimentato da una batteria dall’amperaggio triplicato, perché passa da 3 Ah a 10. L’omologazione ottenuta dal suv è Euro 6D. Il costruttore giapponese ha adottato il motore da 1.2 litri a quattro cilindri da 83 CV in grado di assicurare fino a 107 Nm di coppia (a 2.800 giri).

Emissioni ridotte del 9% nel ciclo misto rispetto alla precedente ibrida

L’ISG, che funge da alternatore, motorino di avviamento e motore elettrico, fornisce anche coppia aggiuntiva in caso di necessità ai bassi regimi. Nel ciclo misto consumi ed emissioni vengono dichiarate inferiore del 9% rispetto alla precedente variante ibrida a due ruote motrici. La percorrenza supera i 25,6 chilometri per litro (23,8 per la trazione integrale). La nuova Suzuki Ignis Hybrid è a listino sia a trazione anteriore sia integrale, ossia con la tecnologia 4×4 Allgrip Auto che sfrutta lo schema a giunto viscoso.

Non solo Suzuki Ignis Hybrid, il suv è disponibile anche a GPL in after market

Le quattro ruote motrici sono abbinate anche al mantenimento della velocità in discesa (Hill Descent Control) e alla gestione intelligente della trazione (Grip Control). Sul mercato italiano, il suv sarà disponibile anche a GPL, con installazione in after market dell’impianto BRC che, informa Suzuki, “non fa decadere la garanzia originale della vettura” (3 anni o 100.000 chilometri). I clienti possono anche scegliere fra cambio manuale e trasmissione automatica.

 

 

 

 

Articoli precedente

Yellow Motori in TV - Puntata del 14 giugno 2020

Articolo successivo

Volkswagen Italia, promozione con polizza salute sulle auto non elettriche