Home»News»Da Hamamatsu ai Carabinieri, 10 Suzuki Jimny e 55 Ignis alla Benemerita

Da Hamamatsu ai Carabinieri, 10 Suzuki Jimny e 55 Ignis alla Benemerita

0
Condivisi
Pinterest Google+

Da Hamamatsu ai Carabinieri, 10 Suzuki Jimny e 55 Ignis alla Benemerita

“Suzuki è fiera di questa commessa”, ha dichiarato Massimo Nalli, presidente di Suzuki Italia, a proposito dell’ordine di 10 Jimny e 55 Ignis da parte dei Carabinieri. La flotta giapponese di modelli ultra compatti servirà ai militari della Benemerita per il pattugliamento del territorio sia in strada sia in fuoristrada.

Modelli ultracompatte (3,645 e 3,7 metri) per ogni impiego

Le vetture – 3,645 e 3,7 metri di lunghezza – saranno allestite secondo le specifiche richieste dall’Arma. Si tratta della prima fornitura diretta di vetture da parte della casa di Hamamatsu ai Carabinieri, che ormai dispongono di una gamma molto variegata di modelli. “Siamo certi che le nostre auto saranno all’altezza dei compiti cui saranno chiamate”, ha aggiunto Nalli nel corso della cerimonia di consegna della prima Jimny. Oltre alla livrea dell’Arma, l’allestimento Carabinieri del suv tascabile prevede i due lampeggianti blu con tecnologia LED provvisti anche della funzione di luci di crociera e un faro di ricerca a luce bianca, comandabile sia dall’interno sia dall’esterno della vettura.

Suzuki Jimny con motore da 1.5 litri da 103 CV

La sirena bitonale è il cofano. Tutti i comandi retroilluminati sono montati al centro della plancia, in posizione raggiungibile da entrambi gli occupanti dei sedili anteriori. La dotazione principale include un estintore da 2 kg e un set di catene da neve. Il motore della Jimny è il benzina da 1.5 litri e 103 CV. Per questa fornitura, Suzuki ha collaborato con il gruppo Focaccia per l’allestimento dei veicoli. La Ignis monta invece il Dualjet da 1.2 litri in versione ibrida ed è a trazione integrale 4×4 AllGrip Auto.

Articoli precedente

Nuova Golf, l'8a generazione della best seller Volkswagen è anche ibrida

Articolo successivo

Sfida edilizia di Volkswagen per corteggiare i "cervelli" per l'innovazione