Home»News»Tesla non salda la bolletta, cantiere Gigafactory di Berlino senza acqua

Tesla non salda la bolletta, cantiere Gigafactory di Berlino senza acqua

0
Condivisi
Pinterest Google+

Carissima bolletta. La Strausberg-Erkner, la società che distribuisce l’acqua nell’area di Grünheide, vicino a Berlino, ha spiegato che “il trattamento riservato a Tesla non è diverso da quello degli altri clienti”. E poiché non ha saldato la bolletta nemmeno dopo diversi solleciti ed un ultimatum di 14 giorni, le ha sospeso la fornitura di acqua.

Investimento di 4 miliardi, bolletta di 15.000 euro

Con il risultato che sono stati bloccati i lavori di costruzione della prima Gigafactory europea. Quella a proposito della quale solo qualche settimana fa Elon Musk aveva orgogliosamente rivendicato il completamento di circa un quinto del totale. La società riaprirà i “rubinetti” non appena verrà saldata la fattura. Stando alle informazioni raccolte dal Tagesspiegel la fattura in sospeso ammonterebbe a 15.000 euro. Definire “curioso” un simile inciampo è quasi un eufemismo visto che in ballo c’è un investimento di circa 4 miliardi di euro.

Tesla è sempre in attesa della valutazione definitiva di impatto ambientale

La frenata nell’avanzamento dei lavori potrebbe incidere sui tempi calendarizzati per l’avvio della produzione prevista già per la prossima estate. La capacità produttiva dovrebbe aggirarsi attorno al mezzo milione di veicoli. Tesla è sempre in attesa della valutazione di impatto ambientale definitiva. Finora il cantiere è andato avanti solo grazie ad autorizzazioni provvisorie. E in ballo ci sono proprio i timori circa l’approvvigionamento idrico dell’impianto.

Articoli precedente

La Kia Rio mild hybrid percorre 20 km per litro. Ancora a GPL dal 2021

Articolo successivo

Dacia Spring Electric, citycar in tre varianti: anche cargo e per il car sharing