Home»News»Texa, il Made in Italy che funziona si espande ulteriormente in Germania

Texa, il Made in Italy che funziona si espande ulteriormente in Germania

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volkswagen Group è uno dei maggiori clienti e la Germania è il suo mercato principale: per questo la società italiana TEXA ha inaugurato la nuova filiale tedesca. La superficie dell’insediamento di Obersulm, a nord di Stoccarda, è tre voltequella della vecchia sede di Langenbrettach e copre adesso 3.000 metri quadrati.

La Texa esporta l’80% della produzione, 26 milioni di fatturato in Germania

La TEXA, fondata nel 1992, è leader in Europa nella progettazione, industrializzazione e costruzione di strumenti diagnostici e dispositivi per la telediagnosi di veicoli. Le sue tecnologie sono impiegate per autovetture, motociclette, camion, mezzi agricoli e anche motori marini. La società trevigiana di Bruno Vianello (nella foto) esporta quasi l’80% della propria produzione. E con i suoi 26 milioni di euro di fatturato tra officine indipendenti e costruttori, la Germania costituisce il primo mercato mondiale nel settore del Garage Equipment. “Ho sempre voluto che i miei strumenti di diagnosi elettronica avessero la genialità e lo stile italiano, coniugati ad una qualità costruttiva ed una solidità germanica“, ha sintetizzato il manager.Texa Vianello

Filiali in 9 paesi, fra cui Russia, USA, Brasile e Giappone

La nuova sede conferma la piena maturità della TEXA in Germania, dove si era insediata nel 2002 e dove conta 25.000 clienti. Per accreditare il Made in Italy sul mercato tedesco sono state anche ottenute le certificazioni TISAX e VDA 6.3. Ad Obersulm sono occupate 45 persone. Da tre anni l’azienda trevigiana ha costituito anche la divisione E-Powertrain che realizza un “innovativo motore elettrico ad architettura assiale”. In una nota la società spiega che l’unità “ha già attirato l’attenzione di grandi gruppi automobilistici”. Quella tedesca è la più grande delle filiali dell’impresa di Vianello, che opera anche in Spagna, Francia, Gran Bretagna, Polonia, Russia, USA, Brasile e Giappone. A livello globale gli addetti sono 730, fra i quali oltre 150 ingegneri e specialisti impegnati nella Ricerca & Sviluppo.

 

Articoli precedente

Alieno Arcanum, dalla Bulgaria il missile elettrico con oltre 5.200 CV

Articolo successivo

L'Ovale Blu ha cessato la produzione della Ford Fiesta a gasolio