Home»News»Thorel (PSA) chiede chiarezza: “I diesel Euro 6 più puliti di certi benzina”

Thorel (PSA) chiede chiarezza: “I diesel Euro 6 più puliti di certi benzina”

0
Condivisi
Pinterest Google+

Thorel (PSA) chiede chiarezza: “I diesel Euro 6 più puliti di certi benzina”

Il diesel Euro 6 non va criminalizzato e Gaetano Thorel, manager automobilistico di lungo corso attualmente direttore generale di Groupe PSA Italia, interviene sui divieti di circolazione che includono gli Euro 6. “Credo sia il momento di fare chiarezza”,  esordisce in una nota. “La lotta all’inquinamento nelle nostre città deve essere affrontata in maniera seria e organica e non con provvedimenti locali estemporanei”, aggiunge. Secondo il dirigente si tratta talvolta di limitazioni che creano confusione nei cittadini, nei clienti e nelle stesse aziende.

La PA Consulting stima 14,65 miliardi di multe per le emissioni

Per Thorel “chiarezza vuol dire affermare con forza che i veicoli diesel di ultima generazione hanno emissioni di particolato e di ossidi di azoto uguali ai veicoli benzina e prossimi allo zero“. Per questo – assicura – “non devono essere penalizzati in alcun modo”. Tra l’altro, almeno secondo l’ultima previsione della società PA Cnsulting, Groupe PSA sarebbe uno dei costruttori più vicini al raggiungimento delle soglie europee sulle emissioni. La discrepanza stimata è di soli 4 g/km, seconda solo a Toyota. La sanzione sarebbe vicina al miliardo perché i volumi del gruppo sono importanti nel Vecchio Continente.

Emissioni in aumento per colpa dei troppi suv

Dei 14,65 miliardi ipotizzati dalla società, quasi la metà sarebbero a carico dei brande tedeschi: gruppo Volkswagen 4,5 miliardi, Daimler un miliardo e Bmw 754 milioni. FCA dovrebbe sborsare quasi 2,5 miliardi. Lo studio rivela come il calo delle emissioni abbia subito un arresto a causa delle politiche delle case, nelle cui gamme ci sono sempre più suv. Si tratta di modelli che si vendono bene, ma mediamente più pesanti e ingombranti. Thorel ricorda che i nuovi diesel non sono affatto peggio dei benzina Euro 3. “È illogico – ammonisce – adottare localmente normative in contrasto con quelle europee ed internazionali”.

Thorel: “Piena idoneità a circolare ai veicoli diesel Euro 6 di ultima generazione”

Si tratta di disposizioni basate su studi ed analisi scientifiche che certificano “la piena idoneità a circolare ai veicoli diesel Euro 6 di ultima generazione”. Il numero uno di Groupe PSA in Italia ricorda anche che “gli unici veicoli in grado di  garantire una mobilità a zero emissioni sono i 100% elettrici o gli ibridi plug-in ricaricabili e non soluzioni come gli ibridi non  ricaricabili o mild hybrid”. Su strada è certamente così, nell’intero ciclo di vita non ancora, ma questo è un altro discorso. Di sicuro non fino a quando l’energia elettrica che alimenta viene prodotta da fonti non rinnovabili.
Articoli precedente

Nuovi rincari sul GPL, ieri gli aumenti di IP e Italiana Petroli

Articolo successivo

Suzuki 4x4 AllGrip, "porte aperte" nel week end per la trazione da primato