Home»News»Top 100 in Borsa, Volkswagen esce. Toyota prima nelle vendite

Top 100 in Borsa, Volkswagen esce. Toyota prima nelle vendite

0
Condivisi
Pinterest Google+

Matthias Mueller, il CEO di Volkswagen Group che è subentrato a Winterkorn dopo il dieselgate, aveva lasciato intendere che il testa a testa con Toyota per il primato mondiale delle vendite non era tra le sue preoccupazione perché l’obiettivo era una “crescita sostenibile” e di qualità. Adesso resta da capire se l’uscita di Volkswagen dalla Top 100 delle società più capitalizzate in borsa a livello planetario sia fonte di inquietudine. Il dieselgate ha penalizzato pesantemente il titolo, la cui performance nell’anno è di -29,40 al DAX di Francoforte e addirittura di -40% negli ultimi sei mesi. L’andamento nel trimestre è invece positivo: +18,5% dopo che l’azione era scivolata abbondantemente sotto quota 100 euro con un’oscillazione nell’arco di 52 settimane tra 252 e 86 euro (era risalita fino 135 per poi perdere pesantemente terreno dopo l’annuncio dell’azione legale da parte degli USA). Secondo un’analisi condotta dalla società di consulenza EY e dal quotidiano economico Handelsblatts, la top ten delle società più capitalizzate è americana con Apple (549 miliardi di euro di valore), Alphabet (la società che, tra le altre, controlla Google) e Microsoft ai primi tre posti.

Il primo colosso non USA è la ICB (Industrial and Commercial Bank of China) all’undicesimo posto. Volkswagen, che fino ad un anno fa occupava il 65° posto (con un valore che sfiorava gli 83 miliardi di capitalizzazione), è uscita dalla Top 100 (Daimler è 81°). Oltre la metà delle società di questa graduatoria è americana (54), 26 sono europee (la prima è la multinazionale farmaceutica svizzera Roche con 217 miliardi) e 17 asiatiche. Solo l’Africa non è rappresentata nella Top 100. Dopo lo storico sorpasso nei confronti di Toyota di metà 2015, Volkswagen deve di nuovo rincorrere il costruttore nipponico che nei primi 11 mesi ha consegnato 9,21 milioni di veicoli (-1% rispetto allo stesso periodo del 2014). Il gruppo tedesco si è fermato a 9,1, ma in flessione dell’1,7%. Toyota si era ripresa il primato già in luglio.

Articoli precedente

75th Anniversary, una serie speciale per tutta la gamma Jeep

Articolo successivo

GPL cala ancora mentre Q8/Shell aumenta benzina e diesel