Home»News»Gli airbag fanno paura, Toyota richiama 3,4 mln di auto. Non in Europa

Gli airbag fanno paura, Toyota richiama 3,4 mln di auto. Non in Europa

0
Condivisi
Pinterest Google+

Gli airbag fanno paura, Toyota richiama 3,4 mln di auto. Non in Europa

Il nuovo richiamo fa notizia soprattutto per il numero di veicoli coinvolti, 3,4 milioni: si tratta di modelli a marchio Toyota sui quali potrebbero non funzionare gli airbag. Gli automobilisti europei, tuttavia, possono continuare a dormire sonno tranquilli perché la campagna riguarda soprattutto l’America. Non solo quella del Nord (Canada, Stati Uniti e Messico), ma anche quella centrale e meridionale per un totale di 2,9 milioni di esemplari.

Un problema all’elettronica potrebbe non far scattare gli airbag

Al solito, il paese più colpito sono gli USA. Nel dettaglio il richiamo riguarda le Toyota Corolla prodotte fra il 2011 ed il 2019, le Matrix fabbricate fra il 2011 ed il 2013 e le Avalon sia motore termico (2012-2018) sia ibride (2013-2018). La campagna serve  per evitare i rischi di potenziali malfunzionamenti dell’elettronica di bordo che, in casi particolari, potrebbe non far scattare gli airbag. Una portavoce di Toyota ha confermato che esiste la possibilità che in caso di incidente i cuscinetti salvavita possano non “aprirsi”. Il dispositivo con il quale sono equipaggiati i veicoli che riceve il segnale dell’impatto e che fa scattare gli airbag e tendere le cinture di sicurezza potrebbe non essere adeguatamente protetto da interferenze. Con il richiamo Toyota monterà gratuitamente sui veicoli con un particolare filtro per assicurare il corretto funzionamento del sistema di gestione.

Articoli precedente

Autonomia a zero emissioni di 643 km per il nuovo suv cinese Hycan 007

Articolo successivo

Cruise Origin, navetta elettrica senza pilota di General Motors e Honda