Home»News»Sempre più ibrida, la tecnologia Toyota conquista l’Europa

Sempre più ibrida, la tecnologia Toyota conquista l’Europa

0
Condivisi
Pinterest Google+

La tecnologia ibrida che piace è griffata Toyota, anche quando è applicata su crossover come C-HR e suv come Rav4. In febbraio il colosso nipponico aveva annunciato di aver superato la soglia dei 10 milioni di veicoli ibridi venduti nel mondo e adesso la filiale europea ha ufficializzato una crescita dei volumi di quasi il 50% (48% per la precisione) nel prima trimestre del 2017. Tra gennaio e marzo nel Vecchio Continente ha consegnato 269.000 auto, l’11% in più rispetto ad un anno fa. Ma le immatricolazioni più “verdi”, quelle dei modelli ibridi di Toyota e Lexus, hanno raggiunto le 106.000 unità. Toyota Motor Europe (TME) ha fatto sapere che l’incidenza di questa alimentazione è del 40% nel Vecchio Continente e sfiora il 50% nella parte Occidentale.

Il gettonatissimo crossover Toyota C-HR (27.000) raggiunge addirittura l’80% in versione hybrid. Il mese di marzo è stato particolarmente positivo anche per altri modelli: sia Yaris Hybrid (22.700), sia Auris Hybrid (22.300), sia Rav4 Hybrid (15.300, la metà del totale) hanno totalizzato un nuovo primato di vendite. Anche la gamma Lexus, in Italia tradizionalmente solo ibrida (anche se adesso vengono offerte alcune versioni ad alte prestazioni a benzina, ma che verranno verosimilmente consegnate in poche decine di esemplari), ha evidenziato un’ulteriore crescita con una quota ibrida del 65% in Europa, che schizza al 99% in quella Occidentale. In Russia, dove il mercato sta attraversando da anni un periodo estremamente difficile, il pick-up Hilux, la berlina Camry ed il suv compatto Rav4 restano leader nei rispettivi segmenti.

L’Italia riconosce l’alimentazione ibrida e, a seconda delle amministrazioni, la “premia” con diversi vantaggi, inclusi l’accesso alle Zone a Traffico Limitato, l’esenzione del bollo o il parcheggio gratuito. A Forlì è stato anche lanciato il primo car sharing full-hybrid, naturalmente targato Toyota (con Yaris) e secondo l’indagine “2017 Italy RepTrak” realizzata dal Reputation Institute il brand è il primo fra quelli del mainstream automotive ed il terzo includendo quelli premium.

Articoli precedente

Azionisti criticano governance Tesla? Musk: "Comprino titoli Ford"

Articolo successivo

Gran Turismo in smoking, Maserati Ghibli Nerissimo a New York