Home»News»Flotta “green” per l’Arma dei Carabinieri, 250 Toyota Yaris Hybrid a noleggio

Flotta “green” per l’Arma dei Carabinieri, 250 Toyota Yaris Hybrid a noleggio

0
Condivisi
Pinterest Google+

Flotta “green” per l’Arma dei Carabinieri, 250 Toyota Yaris Hybrid a noleggio

Per i Carabinieri e per l’ambiente: la prima Toyota Yaris Hybrid è stata consegnata alla Benemerita. L’auto è parte di una flotta di 250 auto che entrerà in servizio nei prossimi mesi. Assieme a LeasePlan Italia, la filiale nazionale del costruttore giapponese si è aggiudicata la gara CONSIP 13 per il noleggio a lungo termine.

Le chiavi della prima Yaris Hybrid consegnate al generale Luzi

Anche i servizi di sicurezza, informa Toyota, possono venire svolti “con veicoli a basse emissioni e ad alta efficienza energetica”. La Yaris Hybrid dispongono della livrea dei Carabinieri e di un allestimento specifico per l’Arma. Le auto saranno destinate ad attività sul territorio nazionale in aree pedonalizzate o sottoposte a particolari vincoli ambientali. Le chiavi della prima delle auto della flotta Full Hybrid Electric sono state consegnate al generale Telo Luzi, Capo di Stato Maggiore del Comando Generale.

Corsi di formazione per il personale per sfruttare le potenzialità della tecnologia Toyota

Il costruttore ha previsto corsi di formazione per il personale che guiderà le Yaris Hybrid. L’obiettivo è quello di sfruttare al meglio dei vantaggi della tecnologia. Le compatte destinate ai Carabinieri hanno motori da 100 CV . Toyota assicura che in città possono circolare per oltre la metà del tempo in modalità elettrica. La percorrenza dichiarata è di 27 km/l e le emissioni di CO2 sono di 84 g/km, mentre quelle di NOx sono di 4,7 mg/km. Sul fronte della sicurezza le Yaris Hybrid montano il Toyota Safety Sense (TSS) con il Sistema Pre-Collisione, frenata assistita, abbaglianti automatici, avviso superamento corsia e riconoscimento segnaletica stradale.

Articoli precedente

"Cupola dell'auto", Bmw respinge le accuse, ma accantona un miliardo

Articolo successivo

Con le quotazioni stabili solo Tamoil, per ora, segue Eni sui rincari