Home»News»TRAGUARDI / Due anniversari a ZF Lenksysteme

TRAGUARDI / Due anniversari a ZF Lenksysteme

0
Condivisi
Pinterest Google+

MILANO – ZF Lenksysteme GmbH, una joint-venture fifty-fifty di Bosch e ZF, ha festeggiato a metà giugno due anniversari: in coincidenza con i 75 anni di produzione di sterzi per autovetture si è arrivati a fabbricare 5 milioni di sterzi elettrici, con cui si ottengono notevoli risparmi di carburante grazie alla particolare efficienza energetica.Nel 1932 ZF rilevò una licenza dalla Ross Gear & Tool Company, una ditta nello stato americano dell’Indiana, e iniziò in quello stesso anno a produrre sterzi Ross sia per il mercato tedesco che per i mercati europei. A Friedrichshafen, sede principale di ZF, furono prodotti già nel 1932 10.000 pezzi di quello che all’epoca era lo sterzo più comodo per autovetture. Questo sterzo venne montato in numerosi modelli Audi, Maybach e Wanderer. Dopo il 1945 si continuò a fabbricare gli sterzi Ross nello stabilimento ZF di Schwäbisch Gmünd, ma poco dopo si passò a produrre varie creazioni ZF per autovetture e veicoli industriali, fra cui lo sterzo ZF-Gemmer con rullo a vite senza fine e, nel 1956, il servosterzo idraulico ZF a vite e madrevite, uno dei primi con servoassistenza idraulica della forza di sterzata, utilizzato soprattutto per veicoli industriali e fuoristrada. Nel 1999 la sede di Schwäbisch Gmünd è entrata a far parte di una joint-venture fifty-fifty delle imprese Robert Bosch GmbH e ZF Friedrichshafen AG; da allora si chiama ZF Lenksysteme GmbH. Con i suoi prodotti per lo sterzo di autovetture e veicoli industriali, questa impresa continua a migliorare il comfort e contribuisce a sensibili risparmi di carburante.Un esempio di comfort e risparmi energetici è lo sterzo elettrico Servolectric di cui è stato prodotto il pezzo numero 5.000.000 il 20 giugno 2007 a Schwäbisch Gmünd. Questo sterzo per autovetture fu utilizzato per la prima volta nel 2003 e viene ora montato di serie, fra l’altro, su tutti i modelli Golf della Volkswagen. Rispetto agli sterzi idraulici, con Servolectric è possibile risparmiare fino all’85% di energia perché la utilizza solo quando è effettivamente necessario sterzare. Il meccanismo di sterzatura si basa sul principio dello sterzo a pignone e cremagliera e viene collegato a un impianto elettronico molto progredito. Non appena il guidatore esegue una sterzata, la servoassistenza necessaria viene trasmessa da un servomotore elettrico allo sterzo meccanico a pignone e cremagliera. L’azionamento elettrico permette di risparmiare con Servolectric fino a 0,3 litri di carburante ogni 100 chilometri rispetto a un servosterzo puramente idraulico azionato dal motore. I cinque milioni di pezzi prodotti fino ad ora hanno reso possibile un risparmio complessivo di 150 milioni di litri di carburante (calcolati in base a una media di 10.000 chilometri all’anno per veicolo). In questo modo sono state emesse 3.555 tonnellate di CO2 in meno. Oltre al consumo ridotto di carburante, lo sterzo elettrico ha anche altri vantaggi. In particolare, non ci sono altri componenti. Senza pompa e valvola dello sterzo, serbatoio dell’olio e tubi flessibili ad alta pressione, il peso è minore e il montaggio è più semplice. Inoltre non c’è più bisogno dell’olio idraulico per la trasmissione della forza, e quindi si riduce ancora di più l’impatto ambientale.

Articoli precedente

TRASPORTI / Merci pericolose sempre sotto contro

Articolo successivo

CHRYSLER ITALIA / Il ritorno di Laura Papa