Home»News»TRASPORTI/ Ecco chi realizzarà la linea 5 della MM

TRASPORTI/ Ecco chi realizzarà la linea 5 della MM

0
Condivisi
Pinterest Google+

MILANO – E’ stato firmato ieri il contratto per la realizzazione della linea 5 della metropolitana di Milano alla presenza del Comune e della società di progetto, formata da Astaldi (mandataria), Alstom Ferroviaria, Ansaldo Trasporti Sistemi Ferroviari, Ansaldo Breda, Torno e ATM. Il contratto dà vita ad una concessione che riguarda la gestione della linea per 27 anni e una previsione di ricavi generati dal servizio pari a 724 milioni di euro. La durata dei lavori per la realizzazione completa dell’opera è stimata in 58 mesi. Il fabbisogno finanziario complessivo è pari a 502 milioni di euro, e sarà coperto per una quota di 190 milioni dalla società concessionaria e dalle banche finanziatrici, e per la rimanente parte da contributo pubblico. Alstom Ferroviaria fornirà l’intero sistema di alimentazione elettrica, gli impianti di trazione e il sistema di protezione con porti di banchina, che garantisce la sicurezza dei viaggiatori. La quota di spettanza di Alstom equivale a circa 46 milioni di euro, pari al 12% del contratto di costruzione. Saranno coinvolti nel progetto i siti produttivi di Guidonia (Roma), specializzato nelle infrastrutture, e di Sesto San Giovanni. La Linea 5 sarà la prima metropolitana a Milano automatica di tipo “driverless”, cioé senza conducente, ad automazione integrale. La tratta si estenderà per oltre 5 km e 9 stazioni, dalla stazione Garibaldi a Bignami, verso i confini comunali, in direzione Sesto S. Giovanni con la possibilità di una futura estensione al comune di Monza, ed avrà una capacità di trasporto di 26 mila passeggeri l’ora per senso di marcia. Alstom è fra i primi fornitori a livello mondiale di soluzioni complete per il trasporto urbano ed ha già collaborato alla costruzione di importanti opere quali la metropolitana di Singapore, di Losanna e di Washington.

Articoli precedente

VOLKSWAGEN/ La divisione Veicoli Commerciali ha un nuovo responsabile

Articolo successivo

MERCEDES-BENZ/ Citaro: dopo 15.000 unità vendute arriva la nuova generazione