Home»News»“Poderoso piano di ristrutturazione”, ma SsangYong lancia tre auto in Italia

“Poderoso piano di ristrutturazione”, ma SsangYong lancia tre auto in Italia

3
Condivisi
Pinterest Google+

Il costruttore coreano SsangYong Motor Company ha varato un “poderoso piano di ristrutturazione gestionale e operativa” per far fronte alla situazione di emergenza generata dalla diffusione del Covid-19. L’importatore italiano ha confermato il lancio nel Belpaese di tre nuovi modelli: l’avvio delle Korando, Tivoli e Rexton Sports XL avverrà dopo la fine del lockdown.

La proprietà indiana di Mahindra investe “solo” 40 miliardi di won

Ha anche confermato gli investimenti sul nuovo Korando Full Electric destinato ad approdare sul mercato agli inizi del prossimo anno. SsangYong deve fare i conti con “la riduzione di nuovi finanziamenti da parte del suo azionista di maggioranza, Mahindra Group. La proprietà indiana supporterà le attività della controllata coreana con 40 miliardi di Wong, l’equivalente di 30 milioni di euro. “Di conseguenza – informa una nota – la società adotterà misure per assicurare che non insorgano problemi di liquidità a breve termine, grazie a varie iniziative”. Tra queste figurano la cessione degli asset non essenziali, come il Centro Logistico di Busan.

Verna, SsangYong Italia: “Stiamo progettando il futuro diverso da casa”

SsangYong aveva cercato “modalità di cooperazione con vari stakeholder, compresi i suoi principali azionisti”, ma non ha trovato il sostegno desiderato. Di qui la decisione di varare il “poderoso piano di ristrutturazione” che coinvolgerà le divisioni Ricerca e Sviluppo, Sviluppo prodotto, Produzione, Vendite anche Post-Vendita. Per normalizzare le attività nei prossimi tre anni, la società coreana ha bisogno di 400 milioni di euro (500 miliardi di won). “Stiamo sfruttando questi giorni per progettare, da casa, un futuro che sarà per forza diverso, difficile, ma anche con molte opportunità tutte da esplorare”, ha sintetizzato Mario Verna, direttore generale di SsangYong Motor Italia.

 

Articoli precedente

Renault lascia la Cina, dove resta solo per i veicoli elettrici e commerciali

Articolo successivo

Elettrica senza energia, concordato preventivo per la tedesca e.Go Mobile