Home»Auto sportive»Mercedes Vision EQ Silver Arrow: quando la tradizione incontra il futuro

Mercedes Vision EQ Silver Arrow: quando la tradizione incontra il futuro

0
Condivisi
Pinterest Google+

A Pebble Beach in occasione della Monterey Car Week Mercedes-Benz ha presentato la roadster elettrica Vision EQ Silver Arrow, un riuscito punto di incontro tra le forme della trazione e il futuro, che parla di tecnologia e di propulsione a batterie. Non pochi i riferimenti al glorioso passato sportivo del marchio: se è evidente l’omaggio alla W 125 del 1937 che raggiunse i 431 km/h su una strada aperta al pubblico, la verniciatura in argento ricorda le Silberpfeil, le Frecce d’Argento che in nome della leggerezza vennero addirittura private della vernice. In abitacolo ambiente high tech con uso di pelle, alluminio lucidato e legno di noce, e la plancia digitale con lo schermo panoramico curvo dotato di retroproiezione e touchscreen integrato nel volante.

Fibra di carbonio a go go e 750 cavalli a spingerla

Lunga 5,30 metri e alta circa un metro, la monoposto fa largo uso di fibra di carbonio, non solo per la scocca ma anche per altri componenti, come ad esempio lo splitter frontale, la mascherina anteriore e la fascia luminosa frontale della vettura. A muoverla i 750 cavalli forniti dai motori elettrici con batteria da 80 kWh; non male anche l’autonomia garantita di 400 km.

Nata per correre

Particolarissimi i cerchi della Vision EQ Silver Arrow, con le 168 razze realizzate in alluminio leggero e verniciate nella tonalità ‘Oro Rosé’, tipica dei prodotti EQ. Pneumatici Pirelli slick nel formato 255/25 R 24 (anteriori) e 305/25 R 26 (posteriori), con motivo a stella disegnato sul battistrada. Il diffusore posteriore richiama il mondo delle corse, con i due spoiler attivi che non solo garantiscono carico aerodinamico al posteriore, ma fungono anche da aero freno, aumentando la resistenza in fase di decelerazione.

Mercedes-Benz Vision EQ Silver Arrow: il trailer

Articoli precedente

Valtra T254, spazzaneve a guida autonoma da record gommato Nokian

Articolo successivo

BMW Serie 6 GT: tutta nuova e non solo nel nome