Home»News»Guida autonoma, a VisLab di Parma primo permesso su strade pubbliche

Guida autonoma, a VisLab di Parma primo permesso su strade pubbliche

0
Condivisi
Pinterest Google+

Guida autonoma, a VisLab di Parma primo permesso su strade pubbliche

La VisLab Srl, lo spin-off universitario di Parma fondato da Alberto Broggi e poi ceduto alla californiana Ambarella, è la prima società ad aver chiesto e ottenuto l’autorizzazione ministeriale per la sperimentazione della guida autonoma su strade pubbliche in Italia. Il livello massimo arriva a 5.

VisLab, ex spinoff universitario poi acquistato dalla californiana Ambarella

Lo ha fatto sapere lo stesso Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La decisione è stata presa dalla Direzione generale Motorizzazione dopo le “verifiche preliminari di idoneità tecnica alla circolazione del veicolo”. I dettagli del modello per i test sono rimasti top secret, ma un anno fa la VisLab aveva fatto circolare per qualche chilometro una Lincoln ibrida ribattezzata EVA (Embedded Vehicle Autonoma). Lo stesso Ministero ha precisato che la VisLab è stata l'”unica finora ad aver presentato domanda di autorizzazione”. Due le città individuate per lo svolgimento dei test a guida autonoma: Torino, dove è stato individuato un circuito di 35 chilometri, e Parma.

Test sempre con un supervisore a bordo per assumere il controllo dell’auto

La Ambarella è un’azienda dell’indice Nasdaq che produce semiconduttori e della quale lo stesso Broggi è uno dei manager. Con il via libera ministeriale si apre anche in Italia l’era dei test per la guida autonoma sulle strade pubbliche. Le prove dovranno comunque sempre avvenire con qualcuno a bordo in grado di assumere il controllo dell’auto in caso di necessità. Come scrive il Ministero, la sperimentazione deve avvenire “in presenza di un supervisore in grado di commutare tra operatività automatica e manuale, in modo da garantire in ogni circostanza il rispetto massimo della sicurezza”.

Articoli precedente

Dieselgate, multa di 535 milioni di euro a Porsche. Che non farà ricorso

Articolo successivo

Black and Noir, la serie speciale numero 34 della Lancia Ypsilon