Home»News»Volante aptico di Jaguar Land Rover, segnalazioni termiche ai guidatori

Volante aptico di Jaguar Land Rover, segnalazioni termiche ai guidatori

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volante aptico di Jaguar Land Rover, segnalazioni termiche ai guidatori

Jaguar Land Rover prova a migliorare la sicurezza in auto anche con l’ausilio di segnalazioni termiche e sperimenta il volante aptico. Il costruttore britannico controllato dagli indiani di Tata hanno lavorato assieme alla Glasgow University per contribuire a “mantenere alta l’attenzione del guidatore”.

Limitare le distrazioni al volante per aumentare la sicurezza

La tecnologia prevede l’adozione del volante aptico: alcune sezioni possono venire riscaldate o raffreddate per indicare cambi di direzioni e corsia. O anche l’avvicinarsi di un incrocio. Le particolari funzioni del volante aptico sono di interessante applicazione in caso di visibilità ridotta. Ad esempio in caso di maltempo. O in caso di una particolare configurazione della strada. L’obiettivo è quello di limitare le distrazioni, che restano tra le principali cause di incidenti sulla strada.

Sbalzo termico fino a 6° con il volante aptico

Solo negli Stati Uniti le distrazioni sono responsabili di un incidente mortale su 10. “Il sistema – informa Jaguar Land Rover – lavora su entrambi i lati del volante, indicando la direzione da prendere riscaldando o raffreddando un lato della corona rispetto all’altro”. Lo sbalzo termico può arrivare fino a 6°. Il costruttore ipotizza anche la possibilità di preselezionare la differenza di temperatura. Secondo alcuni studi, le indicazioni termiche potrebbero essere impiegate per notifiche non urgenti.

Lo studio finanziato da JLR fa parte di un dottorato di ricerca

Una soluzione migliore rispetto alla vibrazione, che può risultare eccessiva. “La ricerca dimostra che la dinamica delle variazioni termiche viene facilmente interpretata come indicazione di direzione“, fa sapere Alexandros Mouzakitis, Electrical Research senior manager di Jaguar Land Rover. Lo studio finanziato da JLR fa parte di una ricerca di dottorato di Patrizia Di Campli San Vito nell’ambito del Glasgow Interactive Systems Research Section (GIST).

 

 

Articoli precedente

Anche Q8 taglia i prezzi di benzina e diesel, ma le quotazioni aumentano

Articolo successivo

Fusione Renault e FCA: tempi rapidissimi e Senard alla guida secondo Bloomberg