Home»News»Addio di Volkswagen ai motori a scoppio: ultima offensiva nel 2026

Addio di Volkswagen ai motori a scoppio: ultima offensiva nel 2026

0
Condivisi
Pinterest Google+

Addio di Volkswagen ai motori a scoppio: ultima offensiva nel 2026

L’auto con il motore a combustione interna andrà in pensione dopo un onorato servizio di oltre 150 anni: nel 2026 Volkswagen ha pianificato l’ultima offensiva di prodotto sulla piattaforma termica. Lo ha dichiarato a Wolfsburg Michael Jost, responsabile della strategia del colosso tedesco.

Volkswagen commercializzerà le ultime auto con unità termiche nel 2040

Invece, il 2040 potrebbe essere l’anno in cui verranno venduti le ultime Volkswagen con propulsori convenzionali. La ecosvolta del marchio e del gruppo, che ha subito una forte accelerazione con il dieselgate, sta assumendo proporzioni quasi “rivoluzionarie”. Dal 1876, quando Nikolaus August Otto realizzò la prima auto con un motore a combustione interna la tecnologia è stata affinata, ma non è cambiata.

Ritorno al passato: l’auto elettrica è nata prima, nel 1839

Quello dell’auto elettrica, in realtà, è un ritorno, visto che era stata inventata addirittura prima di quella oggi considerata convenzionale. Il suo anno di nascita è il 1839: venne sviluppata da Robert Anderson e lanciata in Scozia. A giudizio di Jost gli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima potrebbero venire raggiunti nel 2050 esclusivamente se sulle strade non circoleranno più auto con motori a combustione. Significherebbe, almeno secondo quanto ha dichiarato al quotidiano Handelsblatt, che l’ultima generazione di vetture con motori a benzina e diesel dovrebbero debuttare all’inizio del 2030.

Ma nel gruppo Seat continua a lavorare alla tecnologia per il metano

E pensare che Seat, uno dei marchi del gruppo, sta puntando (e investendo) sul metano. Ma per  Volkswagen, a quanto pare, il “dado è tratto”. E lo conferma anche l’annuncio sui massicci investimenti previsti nei prossimi cinque anni: 44 miliardi di euro. E 30 di questi andranno a sostenere le soluzioni per la mobilità elettrica.

 

Articoli precedente

Sicurezza, test EuroNCAP: male, malissimo Fiat Panda e Jeep Wrangler

Articolo successivo

Ecotassa sulle auto sadica e masochista: guerra legale del Codacons