Home»News»La e-Golf in Ruanda, test africano Volkswagen per i servizi alla mobilità

La e-Golf in Ruanda, test africano Volkswagen per i servizi alla mobilità

0
Condivisi
Pinterest Google+

La e-Golf arriva in Ruanda, test africano Volkswagen per i servizi alla mobilità

Le auto elettriche faticano ad affermarsi nel mondo, soffrono ancora di più in Europa, figurarsi in Africa, ma Volkswagen tira dritto e avvia un test pilota con 50 e-Golf. Il costruttore tedesco ha deciso di sperimentare un servizio di mobilità a Kigali, la capitale del Ruanda, già colonia tedesca fino al 1919.

Flotta di e-Golf nella capitale del paese con 11 milioni di abitanti

L’operazione è stata ufficializzata da Thomas Schäfer, responsabile della filiale del Sud Africa. Le 50 e-Golf non verranno commercializzate a clienti privati, che pure potrebbero esserci fra gli oltre 11 milioni di abitanti. La best seller di Volkswagen a zero emissioni verrà impiegata solo per i servizi alternativi alla mobilità, anche se per il momento non sono noti i dettagli. Per il colosso tedesco si tratta di un ulteriore passo avanti nella possibile “conquista” dell’Africa. Il più grande sito produttivo è quello di Port Elizabeth (Sud Africa), ma la Polo viene prodotta anche in Kenia.

Volkswagen produce in Sud Africa, Kenia e guarda al Ghana

E c’è un’intesa anche con il Ghana. La stessa Daimler ha deciso di lavorare in Africa. Volkswagen conta di fabbricare a Port Elizabeth  poco meno di 126.500 veicoli nel corso del 2019 per salire a 162.000 l’anno prossimo. La quota di mercato di VW nel paese è del 20%, ma la concorrenza è forte perché ci sono anche i rivali tedeschi premium e Ford e Nissan, oltre alla cinese BAIC. Sarà interessante capire il gradimento del test con la e-Golf a Kigali, dove la rete di ricarica verrà realizzata dalla Siemnes.

Articoli precedente

Su strada con la VW T-Roc R, il suv compatto ad alte prestazioni

Articolo successivo

Volvo 360c, concept a guida autonoma per la Digital X di Colonia