Home»News»Volkswagen e Ford verso “larghe intese” sulla guida autonoma ed elettrica

Volkswagen e Ford verso “larghe intese” sulla guida autonoma ed elettrica

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volkswagen e Ford verso “larghe intese” sulla guida autonoma ed elettrica

Non solo veicoli commerciali: la cooperazione tra Volkswagen e Ford potrebbe riguardare anche la guida autonoma. E non solo: ad esempio anche la mobilità elettrica. Evidentemente non solo le auto sono destinate a diventare più connesse, ma anche i costruttori. Soprattutto per aumentare le economie di scala ed accontentare gli investitori.

L’unione compensa le debolezze

Quelli del gruppo tedesco sono preoccupati per le ancora possibili ripercussioni finanziarie del dieselgate (in Germania è scattata una nuova causa pilota), mentre quelli dell’Ovale Blu per la flessione degli utili. Gli aumentati costi dei materiali, i problemi in Cina e le difficoltà sul mercato europeo hanno inciso sull’ultima trimestrale. E peseranno anche sul bilancio dell’intero 2018. La possibile estensione dell’intesa è stata anticipata dal quotidiano economico finanziario tedesco Handelsblatt. L’agenzia di stampa DPA ha anche ottenuto conferme da persone della cerchia Volkswagen. Sarebbero in corso valutazioni che includono anche la tecnologie applicata ai motori elettrici.

Ford, possibili ambiti di cooperazione “senza limiti”

Lo scorso giugno Volkswagen e Ford avevano ufficializzato l’intenzione di esaminare una possibile cooperazione strategica. L’obiettivo dichiarato era quello di contenere i costi di sviluppo e produzione. Eventuali compartecipazioni azionarie erano già stata escluse. Bob Shanks, il responsabile finanziario di Ford, aveva dichiarato che il campo delle potenziali collaborazione “non ha limitazioni”. Dai veicoli commerciali si era quindi passati anche alla guida autonoma e, a quanto pare, anche alla mobilità elettrica. Ma per i dettagli è ancora presto.

brevetti

 

Articoli precedente

Airbag, nuovo richiamo di Toyota per 1,6 milioni di auto (1,2 in Europa)

Articolo successivo

Limiti di velocità differenziati: l'Austria "premia" l'elettrico. Ecco perché