Home»News»La linea politica di Volkswagen, niente sconti a nazionalisti e populisti

La linea politica di Volkswagen, niente sconti a nazionalisti e populisti

0
Condivisi
Pinterest Google+

La linea politica di Volkswagen, niente sconti a nazionalisti e populisti

Niente sconti a nazionalisti e populisti: in Germania il gruppo Volkswagen si “schiera” apertamente. E lo fa dopo che recentemente Gunnar Kilian, il capo del personale, aveva già invitato i lavoratori ad evitare di votare i partiti populisti alle prossime consultazioni europee.

“Siamo sostanzialmente neurali, ma non siamo indifferenti”

Pur senza nominarlo, il riferimento del manager sembra chiaramente rivolto alla Alternative fuer Deutschland, AfD. E proprio alla AfD il gruppo Volkswagen ha negato la riduzione per l’acquisto di una vettura di rappresentanza da parte del gruppo nella Bassa Sassonia. Il costruttore è stato lapidario: “Siamo sostanzialmente neutrali, ma non indifferenti”, ha fatto sapere in una nota. Precisando che, dal proprio punto di vista, nel programma della AfD “ci sono toni populistici e nazionalistici”. Quindi: niente sconto.

La AfD ha già invitato ad azioni di boicottaggio in passato

Una presa di posizione delicata e importante visto che già in passato la AfD aveva auspicato azioni di boicottaggio. Il movimento, peraltro senza troppo successo, aveva sollecitato azioni contro la Coca Cola e contro il Toblerone, oltre che contro una delle reti televisive pubbliche. Per via di una campagna pubblicitaria giudicata “poco tedesca” alcuni simpatizzanti avevano deciso di non rinnovare l’iscrizione all’ADAC, l’Automobile Club di Germania. Il Land della Bassa Sassonia è il secondo azionista del gruppo e beneficia di una diritto di veto.

La decisione di Volkswagen vale per tutta la Germania ed è stata giudicata “discutibile”

La AfD ha solo 9 voti su 137, ma i suoi toni sono sempre piuttosto elevati. La società ha fatto sapere si essere libero di decidere a chi concedere condizioni particolari o meno. Il gruppo parlamentare locale della AfD ha replicato in modo comunque “rilassato”. Ha ricordato come finora il costruttore avesse sempre accordato riduzioni ai diversi partiti. Ha giudicato la decisione legalmente ammissibile, ma discutibile. Il costruttore ha dimostrato un certo coraggio in questa decisione. Anche perché vale sull’intero territorio nazionale.

 

 

Articoli precedente

300 Sport e Chequered Flag, due serie speciali per la Jaguar F-Pace

Articolo successivo

Lexus, la manutezione sull'ibrido elettrico vale fino a 10 anni di garanzia