Home»News»Volvo apre alle consegne in auto di Amazon. Per ora solo negli Stati Uniti

Volvo apre alle consegne in auto di Amazon. Per ora solo negli Stati Uniti

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volvo apre alle consegne in auto di Amazon. Per ora solo negli Stati Uniti

Gli acquisti direttamente nel bagagliaio dell’auto con due click: con Volvo e Amazon si può. Anche se non ancora dovunque. Il servizio era stato sperimentato in Svezia dal costruttore di proprietà cinese con il nome di Roam Delivey a partire dalla primavera del 2014.

Servizio con Amazon in 37 città degli Stati Uniti

Il servizio era stato ufficialmente attivato nel 2015 e già nel 2016 esteso a diverse città fra paesi scandinavi e Svizzera assieme alla start-up urb-it. Adesso, sempre attraverso la stessa piattaforma Volvo On Call, viene offerto in 37 città degli Stati Uniti. “La collaborazione – informa Volvo – rappresenta un notevole incremento e una maturazione dei servizi digitali”. A giudizio del costruttore questi sono destinati a cambiare “il modo in cui i clienti Volvo interagiscono con la propria automobile”.

Programma riservato a chi ha Volvo On Call ed è cliente di Amazon Prime

Il servizio è disponibile a tutti i sottoscrittori del programma Volvo On Call ed ai clienti di Amazon Prime. Una volta scaricata l’apposita app Amazon Key e fatti gli acquisti desiderati basta indicare l’opzione di consegna “In-Car” al momento del pagamento. I corrieri della società dell’uomo più ricco del mondo – Jeff Bezos (132,8 miliardi di dollari) – si occuperanno poi di recapitare il collo (o più) nel bagagliaio dell’auto. I clienti verranno informati da Amazon Key e dalla stessa piattaforma digitale della casa svedese sulle modalità della consegna.

Piattaforma digitale anche per il car sharing

Nel giorno previsto l’auto dovrà venire parcheggiata entro un determinato raggio di distanza dall’indirizzo fornito. La soluzione a chiave digitale viene impiegata anche per funzioni di car sharing, sempre gestite attraverso Volvo On Call. Quando è stata introdotta, la piattaforma era la prima mobile connessa in rete per la fruizione di servizi collegati all’auto. Oggi è disponibile in circa 50 paesi e copre oltre il 90% delle vendite a livello globale del costruttore di proprietà dei cinesi di Geely.

Articoli precedente

Fiat 500 Collezione "guida" le visite al Salone del Libro di Torino

Articolo successivo

Consumi, California e altri 16 stati fanno causa a Trump contro linea morbida