Home»News»Volvo XC40, Ford Focus e BMW X4 a 5 stelle nei crash test EuroNcap

Volvo XC40, Ford Focus e BMW X4 a 5 stelle nei crash test EuroNcap

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volvo XC40, Ford Focus e BMW X4 a 5 stelle nei crash test EuroNcap

Tre auto, quindici stelle in totale: la Ford Focus, la Volvo XC40 e la Bmw X4 hanno superato a pieni voti i crash test EuroNcap. Hanno ottenuto il punteggio massimo anche con i nuovi protocolli di valutazione che includono il test del freno automatico di emergenza (AEB) nel caso di collisione tra autovettura e ciclista.

Volvo XC40, fra le 5 migliori auto degli ultimi tre anni per la protezione degli adulti

Il crossover svedese Volvo XC40 ha ottenuto il 97% per la protezione degli adulti ed il 96% per i sistemi attivi di sicurezza: in entrambi i casi si tratta delle percentuali più alte. Con il’87% per la protezione dei bambini il modello condivide il primato con la Ford Focus. L’ACI ha precisato che la Volvo XC40 “risulta tra le prime 5 auto degli ultimi 3 anni per quanto riguarda la protezione degli occupanti adulti”. “Solo la protezione del torace è marginale in caso di scontro frontale”, si legge nel documento. La berlina dell’Ovale Blu ha ottenuto il miglior punteggio nella protezione dei pedoni (72%).

L’ACI auspica l’obbligatorietà degli ADAS, la cui utilità viene confermata dai crash test

Per quanto riguarda il suv bavarese, la sua eccellenza ai crash test consiste nella protezione al colpo della frusta e nello scontro contro barriera laterale. Ha inoltre ottenuto anche il punteggio massimo per il freno automatico di emergenza alle basse velocità. E con il cofano attivo è buona anche la protezione del pedone. “Come Automobile Club, al fine di diminuire i sinistri sulle strade, auspichiamo da tempo l’obbligatorietà degli ADAS su tutti i nuovi modelli”, ha ricordato ancora una volta Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI.

Articoli precedente

Tutta la gamma Peugeot e il 95% di quella Citroen con motori Euro 6.2

Articolo successivo

Airbag Takata, 30 milioni di auto ancora da richiamare. Anche Ford paga