Home»News»L’elettrificazione che fa risparmiare il 15%, il “lato B” della Volvo XC90

L’elettrificazione che fa risparmiare il 15%, il “lato B” della Volvo XC90

0
Condivisi
Pinterest Google+

L’elettrificazione che fa risparmiare il 15%, il “lato B” della Volvo XC90

Con il restyling della Volvo XC90, il costruttore svedese controllato dai cinesi di Geely lancia il sistema di frenata con recupero di energia cinetica. La soluzione è abbinata ad un motore a combustone interna: si tratta di un inedito propulsore elettrificato identificato con la sigla “B”.

Nuova configurazione degli interni anche a sei posti

Il suv di grandi dimensioni guadagna così un’unità in grado di abbattere i consumi fino al 15% in condizioni di traffico reale. Il nuovo sistema brake-by-wire della Volvo XC90 e l’introduzione delle varianti “B” costituisce “un passo decisivo per Volvo Cars nella direzione della propria ambiziosa strategia di elettrificazione”, informa la casa svedese in nota.   Il costruttore spiega che la nuova unità amplierà ed affiancherà l’offerta delle varianti ibride plug-in T8 Twin Engine. Con l’aggiornamento, il suv scandinavo guadagna anche nuovi cerchi, inediti colori di carrozzeria, una diversa griglia frontale ed una ulteriore configurazione degli interni a sei posti.

Più tecnologia sulla Volvo Xc90. Connettività pure con Android Auto

La Volvo XC90 potrà sempre venire ordinata a quattro ed a sette posti. Dal punto di vista tecnologico, il modello resta il solo a disporre del City Safety con frenata automatica che riconosce non solo pedoni e ciclisti, ma anche animali di grandi dimensioni. Oltre al City Safety c’è anche il Blind Spot Information System. Dalla più piccola XC60, “eredita” l’Oncoming Lane Mitigation. Sul fronte della connettività arriva anche l’integrazione con Android Auto, che si somma al già disponibile Apple CarPlay. Il rivisitato modello andrà in produzione con maggio.

 

Articoli precedente

Dalla Cina la rivale della Tesla, al Salone di New York l'elettrica Qiantu K50

Articolo successivo

La fine dei concessionari, Elon Musk vuole vendere Tesla solo online