Home»News»Wannenes: all’asta due auto di Lapo Elkann, ricavato in beneficienza

Wannenes: all’asta due auto di Lapo Elkann, ricavato in beneficienza

0
Condivisi
Pinterest Google+

Giovedì 16 luglio, presso Garage Italia, Wannenes organizzerà un’importante vendita all’asta di auto e moto classiche, youngtimer e automobilia. Tra le numerose proposte, Wannenes Classic & Sports Cars di Milano porterà in asta due auto di proprietà di Lapo Elkann, personalizzate da Garage Italia. Una Ferrari GTC4 Lusso “Azzurra” e una Abarth 595 Competizione “Azzurra”. Modelli “one-off”, disponibili come unico lotto con una stima di 375/750 mila euro.

L’intero ricavato della vendita di questo prezioso insieme sarà devoluto da Lapo Elkann a Fondazione LAPS, per sviluppare “Scelgo Giusto” e “Connessione Vitale”. Il primo è un progetto di recupero di minori, con problemi di tossicodipendenza o a rischio di caduta in substrati criminali. Il secondo progetto, invece, rappresenta un programma volto al contrasto delle dipendenze digitali. Wannenes, aderendo ai progetti della Fondazione LAPS, ha deciso che al prezzo di aggiudicazione delle due auto non saranno applicati i diritti d’asta

“Sono molto legato a queste auto perché entrambe presentano i miei due colori preferiti l’Azzurro Lapo e il Blu Navy Garage Italia, tonalità esclusive brevettate per me da BASF” ha commentato Lapo Elkann. “Quando le ho acquistate ho seguito e curato in prima persona ogni minimo dettaglio della loro customizzazione, perché volevo che fossero due esemplari totalmente unici e iconici. Ora – prosegue Elkann – sono felice di mettere questi due esemplari all’asta perché con il ricavato Fondazione LAPS svilupperà azioni volte a migliorare la vita di tanti minori che si trovano in condizioni di disagio psicologico o socio economico. Chi le acquisterà potrà, quindi, vivere delle emozioni uniche e al contempo contribuire a un nobile fine”.

Wannenes

Articoli precedente

Ford e TomTom insieme per la futura generazione del Sync

Articolo successivo

Dalla smart al fuoristrada Grenadier, il futuro dello stabilimento di Hambach