Home»News»Waymo in Europa: test a guida autonoma sulla pista FCA. I dubbi di Krafcik

Waymo in Europa: test a guida autonoma sulla pista FCA. I dubbi di Krafcik

1
Condivisi
Pinterest Google+

Waymo in Europa: test a guida autonoma sulla pista FCA. I dubbi di Krafcik

John Krafcik, il numero uno di Waymo, ha smontato a Torino in poche parole il mito della guida autonoma di livello 5. “Sono scettico – ha dichiarato – e mi chiedo se sia veramente necessaria”. E, in ogni caso, “ci vorranno decenni” prima che un’eventuale auto circoli realmente senza un essere umano al volante.

“Per Waymo vedo delle opportunità di sperimentazione in Europa”

Le impressioni di Krafcik non sono quelle di un manager qualsiasi, ma di uno che guida una società che ha chiuso due accordi con FCA e JLR per oltre 80.000 veicoli da destinare ai propri servizi di mobilità. Che sono a guida almeno altamente automatizzata. Attorno alle 600 auto equipaggiate da Waymo con sensori e software sono già in circolazione per sperimentare le navette prive di autista. Con FCA l’intesa è per la fornitura di 62.000 Chrysler Pacifica hybrid plug-in, con JLR per 20.000 Jaguar I-Pace elettriche. A Torino John Krafcik ha detto anche un’altra cosa importante. “Per Waymo vedo delle opportunità di sperimentazione anche in Europa”, ha dichiarato il top manager.

Il know how di Waymo su strada supera gli 11 milioni di chilometri

L’obiettivo è quello di prendere confidenza con le normative del Vecchio Continente perché ci sono parecchie differenze rispetto agli USA. “Abbiamo trasferito per la prima volta le nostre tecnologie in Europa”, ha aggiunto. Precisando poi che lo scorso 1 giugno i veicoli equipaggiati dalla controllata di Google hanno girato sul circuito di Balocco. Naturalmente si trattava di alcuni esemplari della Pacifica predisposte per un’autonomia di livello 4. Sulla pista piemontese sono stati effettuati una settantina di test. Il know-how della società ammonta a 7 milioni di miglia (oltre 11 milioni di chilometri) di guida autonoma su strada. Sono escluse le simulazioni al computer, ritenute ancora più importanti per le situazioni critiche. La neve, ha fatto sapere Krafcik, è una delle grandi sfide.

Articoli precedente

Il GPL aumenta ancora: secondo rincaro di Esso in 24 ore

Articolo successivo

Dieselgate, fermata la prima auto per mancato aggiornamento del software