Home»News»YOKOHAMA/ Il primo Team di studenti che partecipa alla 24H di Le Mans

YOKOHAMA/ Il primo Team di studenti che partecipa alla 24H di Le Mans

0
Condivisi
Pinterest Google+

MILANO – Yokohama Rubber ha annunciato un’importante collaborazione con il primo team di studenti (in assoluto il primo nella storia della 24H di le Mans, giunta oramai alla 76° edizione) che parteciperà alla gara il 14 e 15 giugno prossimi. Yokohama supporterà infatti il progetto “Le Mans Challenge Project” dell’università giapponese di Tokai con una vettura nella classe più competitiva e affascinante, quella dei prototipi LMP1. L’esperienza di Yokohama in questa gara è di lunga data: da più di 20 anni il reparto corse partecipa infatti a questa fantastica competizione sportiva. Il knowhow e l’esperienza maturati in tutti questi anni hanno permesso a Yokohama di offrire pneumatici competitivi al team universitario. Il supporto della casa madre al team studentesco dimostra la grande “empatia” che l’azienda, quale operatore nel mondo automotive, ha nei confronti di importanti progetti formativi e di sviluppo nel settore tecnologico, dell’agonismo, della motivazione a mettere in pratica conoscenze e competenze. Supportare lo sviluppo della vettura dalla sua ideazione, alla creazione, ai test, è stata per Yokohama la dimostrazione di un grande impegno in ambito formativo e universitario. Proprio sulla base di questa cultura Yokohama ha anche sostenuto il progetto di sviluppo “Osu Dakar Rally Challenge” dell’università Sangyo di Osaka, con lo scopo di sensibilizzare circa i problemi ambientali collegati alle gare automobilistiche. La vettura del progetto Le Mans è stata sviluppata con il contributo del professore Yoshimasa Hayashi, che vanta una lunga esperienza in gare di endurance e che dal 2001 ne segue la costruzione. Il team di studenti ha quindi costruito sin dall’inizio questa vettura, basandosi sul prototipo di una Courage-Oreca francese che aveva corso la 24H di le Mans in passato. Sulla base di questo modello, gli studenti hanno innestato un motore a 4 litri V8 turbo originale. I piloti che guideranno la vettura in gara, Toshio Suzuki, Masami Kageyama, Haruki Kurosawa, con una lunga esperienza in questo tipo di competizioni, hanno testato il prototipo nel corso degli anni, migliorandone via-via prestazioni e comportamento.

Articoli precedente

VALEO/ Il sistema Park4U ottiene 9 nuovi contratti

Articolo successivo

ATMOS/ Lo Space Truck di Luigi Colani: il Design ecologico