Home»News»ZF / Prodotta in serie la nuova trasmissione automatica a 8 marce

ZF / Prodotta in serie la nuova trasmissione automatica a 8 marce

0
Condivisi
Pinterest Google+

FRIEDRICHSHAFEN – Sul sito di produzione ZF di Saarbrücken è stata lanciata la produzione in serie del nuovo cambio automatico a 8 marce del fornitore tedesco. Questo nuovo sistema di trasmissione equipaggerà prossimamente la nuova BMW 760i. E, a medio termine, questo cambio innovativo sostituirà la gamma di trasmissioni automatiche a 6 rapporti e farà parte della dotazione delle autovetture di altri costruttori. Entro il 2010, il Gruppo ZF prevede di aumentare la produzione annuale a 200.000 unità. Lo sviluppo del nuovo cambio automatico a 8 marce ZF iniziò nel 2005. Oggi, quattro anni dopo, sul sito ZF di Saarbrücken inizia la produzione di serie. . Rispetto al cambio automatico a 6 marce ZF di seconda generazione, il nuovo 8 marce permette di ridurre il consumo di carburante di un ulteriore 6%. E rispetto ai cambi automatici a 5 rapporti – che attualmente dominano ancora il mercato – può essere ottenuta un’economia di carburante pari al 14 %.Il costruttore bavarese BMW sarà il primo cliente che equipaggerà le sue vetture con il nuovo cambio automatico ZF. La casa costruttrice di Monaco di Baviera, infatti, offrirà la nuova trasmissione automatica a 8 marce intanto sulla nuova BMW 760i. In futuro seguiranno altri modelli ed anche ulteriori costruttori di automobili. Ad approfittare delle doti del nuovo gioiello tecnologico della casa ZF saranno in un primo momento tutti i costruttori le cui vetture sono già oggi equipaggiate con la trasmissione automatica a 6 marce ZF. Il piano di produzione prevede di raggiungere entro la fine del 2009 20.000 unità ed entro la fine del 2010 un volume complessivo di ca. 200.000 unità del nuovo cambio automatico a 8 marce. Nel corso dei prossimi tre anni, il nuovo cambio automatico a 8 marce dovrà sostituire quello a 6 marce.

Articoli precedente

LAMBORGHINI / Continua gli investimenti su prodotti e tecnologia

Articolo successivo

UIGA / L’Auto Europa 2010 si deciderà a Viva l’Auto