Home»News»ZF/ Volano bimassa e frizione per il primo motore boxer diesel al mondo

ZF/ Volano bimassa e frizione per il primo motore boxer diesel al mondo

0
Condivisi
Pinterest Google+

MILANO – Nel marzo 2008, il costruttore giapponese Subaru ha presentato il primo motore boxer diesel al mondo che sarà dotato di sistemi di tecnologia avanzata ZF. L’integrazione del volano bimassa sviluppato da ZF Sachs, permette di isolare le vibrazioni del motore dai componenti della catena cinematica. La frizione, invece, consente di ottimizzare la velocità ed il confort del cambio marcia. Al fine di realizzare sistemi su misura per l’abbinamento perfetto al nuovo concetto di motorizzazione, gli ingegneri del fornitore tedesco ZF Sachs sono stati coinvolti sin dall’inizio nello sviluppo del nuovo motore. Grazie alla configurazione dei pistoni, che li fa apparire piatti e che permette di abbassare il motore e di conseguenza anche il baricentro del veicolo, il concetto del motore boxer conferisce al veicolo delle caratteristiche di marcia estremamente dinamiche. Il costruttore di veicoli giapponese Subaru ha applicato questo concetto per la prima volta nel campo dello sviluppo di motori diesel. Per garantire anche su questa variante di motore diesel la stessa silenziosità di funzionamento delle motorizzazioni diesel tradizionali, Subaru ha deciso di affidare anche lo sviluppo del volano bimassa al fornitore tedesco ZF Sachs, che non ha tradito la fiducia del costruttore giapponese e ha sviluppato per l’innovativo motore boxer un sistema su misura ad alto contenuto tecnologico. Gli ingegneri di ZF Sachs, infatti, sono stati coinvolti sin dall’inizio nello sviluppo del nuovo motore boxer diesel. E per quanto riguarda lo sviluppo dei sistemi di interfacciamento del volano bimassa, c’è stata una strettissima collaborazione tra il centro di sviluppo del fornitore ZF Sachs, con sede a Schweinfurt, e lo ZF Japan Tech-Center. L’integrazione del volano bimassa sviluppato da ZF Sachs permetterà di isolare dalla catena cinematica le vibrazioni torsionali del motore boxer diesel che equipaggerà i modelli Subaru Legacy e Outback. Ciò permetterà di ridurre la sollecitazione del cambio e di aumentare il confort di guida. Inoltre, il volano bimassa consente un funzionamento a basso regime e contribuisce quindi a ridurre il consumo di carburante. Nel corso del 2008, ZF Sachs consegnerà a Subaru complessivamente 35.000 volani bimassa e frizioni. Il trionfo dei volani bimassa targati ZF Sachs continua. Sin dal lancio della produzione di serie nel 1999, la Divisione ZF Componenti per trasmissioni e sistemi autotelaio ha prodotto già più di 10 milioni di volani bimassa. Le due unità produttive si trovano a Schweinfurt, in Germania, e Trnava, in Slovacchia. Attualmente, ZF Sachs produce 1,9 milioni di volani bimassa all’anno.

Articoli precedente

FEDERMETANO/ In pieno boom le immatricolazioni di vetture a metano (+37%)

Articolo successivo

MAGNETI MARELLI/ Le ultime novità ad AutoCina 2008