Home»Pro»Le quotazioni lievitano: Eni e Tamoil rincarano benzina e diesel

Le quotazioni lievitano: Eni e Tamoil rincarano benzina e diesel

0
Condivisi
Pinterest Google+

Le quotazioni hanno ripreso a salire con decisione, anche per effetto degli accordi internazionali sul taglio alla produzione di greggio. Ieri le contrattazioni si sono chiuse con benzina e diesel a 245 e 256 euro per mille litri. Vale a dire 16 e 22 euro in più rispetto all’aggiornamento del 5 giugno. Il rincaro rilevato quel giorno sui due prodotti principali di Q8 era rimasto isolato. Almeno fino a oggi, quando Staffetta Quotidiana ha rilevato gli aumenti di Eni e Tamoil. Entrambe le sigle sono intervenute con un rialzo di 10 millesimi al litro. Comprese le accise, i valori sono rispettivamente di 973,60 e 873,30 euro per mille litri.

Sul rialzo delle quotazioni, salgono anche le medie dei prezzi praticati

Le medie dei prezzi praticati comunicate dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ hanno già cominciato a risentire della tendenza rialzista e sicuramente domani le ripercussioni saranno più evidenti. Benzina self service a 1,379 euro al litro (+3, compagnie 1,388 pompe bianche 1,354). Diesel a 1,264 euro al litro (+2, compagnie 1,273, pompe bianche 1,239). Benzina servita a 1,519 euro al litro (invariata, compagnie 1,567, pompe bianche 1,415). Diesel a 1,407 euro al litro (invariato, compagnie 1,457, pompe bianche 1,301). GPL servito a 0,582 euro al litro (-1, compagnie 0,592, pompe bianche 0,570). Metano servito a 0,980 euro al chilogrammo (invariato, compagnie 0,991, pompe bianche 0,972). GNL 0,937 euro al chilogrammo (+10, compagnie 0,939, pompe bianche 0,936).

Articoli precedente

Ecco il facelift della Seat Ateca, il primo suv del marchio spagnolo

Articolo successivo

Toyota RAV4 Plug-in, il suv con 95 chilometri di autonomia a zero emissioni