Home»Pro»Diesel, forti aumenti dei prezzi medi sulla spinta del rincaro Eni di venerdì

Diesel, forti aumenti dei prezzi medi sulla spinta del rincaro Eni di venerdì

0
Condivisi
Pinterest Google+

Diesel, forti aumenti dei prezzi medi sulla spinta del rincaro Eni di venerdì

La sfavorevolissima (per gli automobilisti) congiuntura tra euro debole e quotazioni alte  ha provocato una serie di aumenti dei prezzi che Eni ha completato venerdì. Il Cane a Sei Zampe aveva ritoccato (di nuovo) il diesel con un rincaro di 10 millesimi al litro. Secondo le rilevazioni di Staffetta Quotidiana nel fine settimane e questa mattina non ci sono state altre correzioni. Anche perché venerdì sul mercato del Mediterraneo le contrattazioni si sono chiuse in calo. La benzina è scesa di 6 euro a quota 494 per mille litri ed il gasolio di 2 a 552. Valori in ogni caso sempre estremamente alti.

Aumenti anche fino a 10 millesimi al litro sul diesel servito

Che in qualche modo spiegano anche la paurosa impennata delle medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ: i rincari hanno raggiunto i 10 millesimi al litro. Benzina self service a 1,666 euro al litro (+6 millesimi, pompe bianche 1,643). Diesel self service a 1,551 euro al litro (+9 millesimi, pompe bianche 1,533). Benzina servita a 1,776 euro al litro (+4 millesimi, pompe bianche 1,685). Diesel servito a 1,669 euro al litro (+10 millesimi, pompe bianche 1,573). GPL a 0,684 euro al litro (+6 millesimi, pompe bianche 0,670). Metano a 0,980 euro al chilogrammo (+1 millesimo, pompe bianche 0,966).

Articoli precedente

Indagine sui suv: C3 Aircross si vende più in fretta, 500X il più acquistato

Articolo successivo

Arriva la Vespa Elettrica, primi ordini della Piaggio "green" solo online