Home»Pro»L’aumento di San Valentino, Eni rincara benzina e diesel di un cent al litro

L’aumento di San Valentino, Eni rincara benzina e diesel di un cent al litro

0
Condivisi
Pinterest Google+

L’aumento di San Valentino, Eni rincara benzina e diesel di un cent al litro

Per San Valentino, la festa degli innamorati, Eni ha regalato un aumento agli automobilisti italiani. Il Cane a Sei Zampe ha rincarato benzina e diesel di 10 millesimi al litro. Il movimento di San Valentino arriva dopo oltre una settimana di calma rispetto all’aggiornamento del 5 febbraio, cui aveva fatto seguito (6 febbraio) anche una significativa riduzione del GPL da parte di Tamoil (2 cent in meno al litro). Ma le quotazioni sono tornate a salire in vista di un possibile taglio della produzione del greggio da parte dei paesi dell’Opec e della Russia. In precedenza erano state penalizzate dal calo della domanda legate alla diffusione del corona virus che ha frenato l’industria.

Le medie dei prezzi praticati sono scese di quasi 2 cent negli ultimi giorni

Negli ultimi gironi le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico ed elaborate da SQ sono scese in maniera significativa. Benzina self service a 1,554 euro al litro (-18 millesimi, compagnie 1,559, pompe bianche 1,543). Diesel a 1,444 euro al litro (-19, compagnie 1,449, pompe bianche 1,429). Benzina servita a 1,688 euro al litro (-14, compagnie 1,729, pompe bianche 1,597). Diesel a 1,583 euro al litro (-15, compagnie 1,626, pompe bianche 1,484). GPL self service a 0,604 euro al litro (-10), servito a 0,626 (-6, compagnie 0,633, pompe bianche 0,617). Metano self service 0,967 euro al chilogrammo (+9), servito a 0,984 (-1, compagnie 0,992, pompe bianche 0,977). GNL 0,958 euro al chilogrammo (-5), compagnie 0,959 (-8, pompe bianche 0,957).

 

Articoli precedente

Bmw in Russia, congelati i piani per la fabbrica nell'enclave di Kaliningrad

Articolo successivo

Formula E, Mitch Evans torna a vincere, trionfo Jaguar a Città del Messico