Home»Pro»Barile a livelli mai visti nel ventunesimo secolo. Altro giro di ribassi

Barile a livelli mai visti nel ventunesimo secolo. Altro giro di ribassi

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il barile precipita: nelle ultime ore era sceso perfino sotto i 16 dollari per assestarsi poi comunque sotto la soglia dei 20. Le quotazioni internazionali dei prodotti raffinati, scrive testualmente Staffetta Quotidiana, “hanno toccato ieri livelli mai visti nel ventunesimo secolo“. La domanda è crollata, ma anche le speculazioni incidono sull’andamento del Brent, il valore di riferimento. In gioco ci sono sempre più enormi interessi politici, ma è chiaro che questa situazione non è sostenibile a lungo. A questi prezzi il barile non è (quasi) più redditizio. In Italia, dove sulla composizione del costo alla pompa le imposte incidono per circa due terzi, i listini consigliati continuano a scendere. Questa mattina sono stati contabilizzati nuovi ribassi. I tagli su benzina e diesel sono di Eni (1 cent al litro), IP (2 cent) e Q8 (1 cent).

Con il crollo del barile, nelle ultime 24 ore i prezzi sono calati ancora

Le medie dei prezzi praticati comunicate dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ continuano a calare. Benzina self service a 1,418 euro al litro (-4 millesimi, compagnie 1,421 pompe bianche 1,409). Diesel a 1,309 euro al litro (-3, compagnie 1,313, pompe bianche 1,298). Benzina servita a 1,563 euro al litro (-4, compagnie 1,604, pompe bianche 1,473). Diesel a 1,457 euro al litro (-4, compagnie 1,500, pompe bianche 1,362). GPL servito a 0,597 euro al litro (-1, compagnie 0,604, pompe bianche 0,587). Metano servito a 0,981 euro al chilogrammo  (invariato, compagnie 0,990, pompe bianche 0,975). GNL 0,950 euro al chilogrammo (+2, compagnie 0,959, pompe bianche 0,945).

 

Articoli precedente

Nuova Mini Cabrio Sidewalk: un inno alla primavera

Articolo successivo

Volvo Stay Home Store, anche in Italia gli acquisti senza contatti e online